RATZINGER NEGA IL PIU’ GRANDE GENOCIDIO DELLA STORIA

genocidiomexico1.jpg 

Joseph Ratzinger il negazionista 

di Gennaro Carotenuto

Benedetto XVI ha riscritto in Brasile la storia della Conquista: “La religione cattolica non è mai stata imposta dai conquistatori ai popoli nativi del continente americano. Cristo era il salvatore che i loro antenati da sempre anelavano silenziosamente”.“L’annuncio di Gesù e del Vangelo -ha continuato il papa- non è stato in nessun momento, un’alienazione delle culture precolombiane, né fu l’imposizione di una cultura straniera”. Altro che le scuse pronunciate da Giovanni Paolo II per alcuni crimini della chiesa del lontano passato!


Quella pronunciata da Joseph Ratzinger è una tesi negazionista del più grande genocidio della storia, così falsa e fuorviante da fare impallidire. La storia della croce imposta con la spada e dei cento milioni di morti nel primo secolo di evangelizzazione delle Americhe, è fin troppo conosciuta e studiata per temere l’infondato revisionismo ratzingeriano. 
Basta citare la fortezza di San Juan de Ulúa, a Veracruz, la porta di accesso al Messico, messo a ferro e fuoco da Hernán Cortés. A San Juan de Ulúa c’è un arco dal quale si vede a destra la cattedrale e a sinistra il patibolo. Decine di migliaia di nativi furono obbligati a scegliere. E molti preferirono la morte alla croce.

Da www.GennaroCarotenuto.it

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Religione e Laicità. Bookmark the permalink.

5 Responses to RATZINGER NEGA IL PIU’ GRANDE GENOCIDIO DELLA STORIA

  1. Cantoretoscano says:

    Giusto per dovere di cronaca il più grande genocidio della storia è considerato l’espansionismo mongolo a a partire dal 1200. Se si considera anche la concomitante peste nera si arriva a 200 milioni di morti.
    Linko una vode di wikipedia con interessanti collegamenti:

    https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_wars_by_death_toll

    • tizianomatteucci says:

      A me pare eccessivo definire “genocidio” quel che, anche nel link, viene definita “invasione mongola”.
      “(Dizionario) Genocidio: Metodica distruzione di un gruppo etnico, razziale o religioso, compiuta attraverso lo sterminio degli individui e l’annullamento dei valori e dei documenti culturali.”
      “Wikipedia – I Mongoli rimasero fedeli alle vecchie credenze sciamaniche e animiste, ma si dimostrarono comunque tolleranti verso le altre religioni praticate nel loro vasto impero: Buddhismo, Taoismo, Islam, Manicheismo, Giudaismo, Cristianesimo nestoriano o cattolico.”
      Credo sia più appropriato definire “genocidio” i singoli episodi (se) accaduti durante l’invasione mongola … ma anche la conquista delle Americhe o dell’Australia, ecc. ecc.

      • Cantoretoscano says:

        Allora le parrà eccessivo anche il termine genocidio nel caso del crollo demografico americano dopo la scoperta visto che la quasi totalità delle persone morirono a causa delle malattie portate dal vecchio mondo, quali morbillo, febbre suina, tifo e vaiolo a cui gli indigeni non erano assolutamente pronti:
        http://www.academia.dk/MedHist/…/Encyclopedia_of_Pestilence_Pandemics_and_Plagues

        Oppure il libro “born to die” che parla dell’argomento.

        Quanto hai mongoli per restare su wikipedia:

        https://en.wikipedia.org/wiki/Destruction_under_the_Mongol_Empire

        Che ha numerosi riferimenti ad articoli o bibliografia. E’ purtroppo poco conosciuta in Italia ed Europa occidentale la storia dell’espansione mongola ma in realtà è stato uno di quei grandi eventi che hanno plasmato la storia del mondo, da quelle invasioni sono nati l’impero ottomano, l’impero di Tamerlano (Timur) con i suoi 17 milioni di morti, e soprattutto l’impero di quello che giudico il miglior comandante della storia ovvero il fondatore dell’impero Moghul, Babur. Quest’ultimo conquistò l’India con poche forze e molta ferocia e ne divenne il padrone assoluto.
        Consideri poi che la tolleranza iniziale sparì con la conversione all’islam successiva.
        Il fatto che sia particolarmente attratto dalla storia mongola non mi impedisce di riconoscere che siano stati dei sanguinari che hanno sterminato intere civiltà (la distruzione di Baghdad tanto per citarne una).
        Di fatto anche la peste nera è arrivata in Europa e Medio Oriente portata dai mongoli.
        Consiglio anche a Lei di prendere spunto dai fatti citati per approfondire questo periodo della storia dell’Asia, in inglese, sul web si trova molto.

      • Cantoretoscano says:

        Visto che la mia risposta non compare la riscrivo:
        Con quella definizione anche quello che nell’articolo è definito genocidio americano non diventa più un genocidio essendo stato in gran parte causato da agenti patogeni provenienti dal vecchio mondo quali morbillo, tifo, febbre suina e vaiolo.
        In questo trattato può trovare informazioni in merito:

        Encyclopedia of Pestilence, Pandemics, and Plagues: A–M (si trova in pdf)

        oppure nel libro “Born to die” del prof. Noble David Cook

        Non casualmente nel link anche quella americana viene definità invasione delle Americhe.

        Per tornare ai mongoli e restare su wikipedia abbiamo questa pagina:

        https://en.wikipedia.org/wiki/Destruction_under_the_Mongol_Empire

        In cui può trovare, oltre alla descrizione delle varie distruzioni compiuti dai mongoli, un’ottima bibliografia cui attingere per ulteriori informazioni.
        Una su tutte la distruzione di Baghdad

        Consideri poi che l’espansionismo mongolo fu un di quei fenomeni fondamentali per la storia dell’umanità perchè cambiò completamente la composizione etnica dell’Asia centrale abitata fino a quel momento da genti iraniche, pensi alla Turchia abitata fino alla conquista turca da greco-bizantini.
        Anche la tolleranza mongola finì con la conversione all’islam, che portò alla nascita dell’impero Ottomano che tanta distruzione ha portato in Europa e che ha colonizzato i balcani per quattro secoli, alla figura di Tamerlano (Timur) che nella sua espansione fece più di dieci milioni di morti (qualcuno stima diciassette) e poi quello che è a mio avviso il più grande condottiero della storia ovvero Babur il conquistatore dell’India e fondatore dell’impero Moghul. Quest’ultimo con ferocia spesso inaudita conquistò con un esercito numericamente inferiore tutti i regni indù del subcontinente imponendo l’islam.
        Senza contare che l’espansionismo mongolo portò con se la peste nera, sia in Europa sia in Medio Oriente, probabilmente l’epidemia peggiore della storia.

        Come avrà capito sono un appassionato di storia turco-mongola, ma questo non mi impedisce di riconoscere la ferocia e la mancanza di scrupoli di una cultura per certi versi eccezionale.
        Le consiglio di prendere spunto da questo commento per approfondire l’argomento purtroppo sconosciuto alla quasi totalità degli italiani.

        • tizianomatteucci says:

          Sì, proprio su “quella definizione”, che d’altra parte corrisponde al significato del termine, termine per altro utilizzato fuori luogo anche nell’articolo.
          Ma non su altro ho espresso il mio disaccordo.

          Vede, gli invasori possono essere straordinariamente malvagi, adusi alla sopraffazione, alla strage e al genocidio e questo vale per i “mongoli” e per i “cattolici” (per restare ai due invasori in argomento).

          Una difesa, la mia, della lingua italiana e non certo delle varie forme di crudeltà, non aggiungo: umana, in quanto oltre a noi nessun altro essere vivente può essere definito: crudele.

          Poi accade che in Europa arrivano topi portatori di peste dall’oriente e questa epidemia rimodella il continente … o una bomba cancella Hiroshima e rimodella il mondo.

          Comunque grazie per i suggerimenti di lettura.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento