Democrazia Truffata anche alle Elezioni Europee. Vi spieghiamo il perché

bandiere-europee-bella

Disapprovo con forza la legge elettorale per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo votata da berlusconiani e piddini il 3 febbraio scorso. In quella triste giornata, per la prima volta in questa legislatura, il Partito Democratico prima si è accordato e poi ha votato sullo stesso testo, articolo per articolo, con la maggioranza di Berlusconi. Un caso? Assolutamente no. Andiamo per ordine e ve lo spiego.

Alle elezioni europee, ogni paese ha diritto ad eleggere un numero di parlamentari più o meno proporzionale alla sua popolazione (ad esempio, la Germania ha 80 milioni di abitanti e elegge 99 parlamentari; Regno Unito, Francia e Italia hanno poco meno di 60 milioni e eleggono 72 parlamentari, e cosi via). Allo stesso tempo, ogni paese ha diritto a scegliere con quale legge elettorale eleggere i suoi rappresentanti.

La nuova legge italiana alza la soglia di sbarramento per i partiti dall’1% al 4%. E’ vero che anche altri paesi europei (Germania, Polonia, Francia, Svezia e l’Austria) hanno soglie di sbarramento simili, ma come mai PdL e PD, che non hanno mai votato insieme alcuna legge da un anno a questa parte, e da anni non riescono a cambiare la legge elettorale italiana (la “porcata Calderoli”, che come è noto fa schifo anche al suo primo firmatario), all’improvviso trovano l’unanimità e votano insieme quella europea?

Questa mossa è apparentemente inspiegabile, ma i “veltrusconiani” hanno cercato di venderla ai cittadini/telespettatori spacciandola come una legge che cerca di evitare lo “spezzettamento”… Ma SPEZZETTAMENTO DI COSA? 

Al contrario di quanto sostenuto dai promotri della legge, all’europarlamento non esiste alcuno “spezzettamento”, in quanto i parlamentari europei, eletti in Italia o in Finlandia, eletti con sbarramento o senza, vanno comunque a raggrupparsi in pochissimi grandi contenitori, le cosiddette grandi famiglie politiche europee, ossia Popolari, Liberali, Socialisti, Verdi, Sinistra Europea e Destra.

I 72 eletti italiani dovranno solo volare a Bruxelles (intascare tra hic o hoc una decina di migliaia di euro al mese pagati da noi) e aggregarsi agli altri gruppi europei. In altre parole, i 72 eletti italiani non dovranno formare alcun governo. In Europa non si costruisce un governo. Il voto italiano non deve produrre nessuna governabilità. A Bruxelles, la governabilità è garantita da un esecutivo (la “Commissione”) che emana dall’equilibrio fra i diversi governi nazionali e non dal voto diretto degli elettori europei. I 72 parlamentari di cui ha diritto l’Italia dovranno/dovrebbero solo, appunto, rappresentarci, secondo le diverse sfumature delle idee politiche dei cittadini italiani.

Quindi il criterio principe dovrebbe essere, semplicemente, come è sempre stato dal 1979 a oggi, quello democraticissimo di “una testa un voto”, senza sbarramenti, senza trabocchetti! Massima rappresentanza.

Singolare dunque che anche i piddini (solo 4 parlamentari piddini hanno votato contro), sedicenti “democratici”, abbiano votato uno sbarramento che come risultato butterà nel cesso milioni di voti! Alla faccia della Democrazia!

Come può sapere il cittadino, prima di andare a votare, se il suo partito prenderà il 3% o il 5% dei voti, cioè se supererà o meno la fatidica soglia? Ad esempio, se a giugno il partito X sarà votato dal 3,99% degli elettori italiani, pari a circa 1 milione e duecentomila voti, ebbene questa montagna di voti non varrà un mazzo e il partito X non avrà nessun parlamentare europeo!

Ciò significa che i partiti che non raggiungeranno il 4% non avranno nessun seggio, mentre i partiti più grandi, PdL e PD in primis, vedranno eletti un numero di parlamentari maggiori della loro forza reale. Questa è la PRIMA VERA RAGIONE che ha spinto berluscones e piddini a votare (o meglio, votarSI!) questa legge. Un po’ come quando Berlusconi si depenalizza il falso in bilancio e si fa i Lodi Alfano per non andare in galera, PdL e PD si sono fatti la legge per andare a Bruxelles!

Ma non è finita qui, aspettate che vi spiego la seconda ragione, VERA, che ha spinto PdL e PD a inciuciare e votare insieme questa “porcata” tipicamente italiana.

SECONDA VERA RAGIONE: Visto che col meccanismo della soglia al 4% ci sono tanti partiti italiani che rischiano di non riuscire a saltare l’asticella, è chiaro che ci saranno anche tanti elettori dei partiti minori, cioè praticamente di tutti i partiti tranne PdL, PD e forse Lega – che penseranno:  ” il mio partito preferito è X, ma se non dovesse superare la soglia del 4% rischierei di buttare il mio voto! Allora, forse è meglio votare un partito grande che sicuramente la passerà”.

Capito? Con lo sbarramento questi personaggi sanno che possono estorcere il voto di tanta gente che, non potendo votare per i partiti piccoli che rischiano di non superare la soglia messa da PD e PDL, si piega a votare, controvoglia e tappandosi il naso, per il grande partito, ovvere il PD o il PDL!

Immediatamente dopo aver inciuciato-partorito l’europorcata, è stato degno di nota il commento dell’Onorevole Dario Franceschini, l’ex democristiano oggi alla guida del PD, che ha preso la parola in Parlamento dichiarando: “SPERIAMO E CI AUGURIAMO CHE QUESTA NON SIA CHE LA PRIMA DI ALTRE LEGGI CHE POTREMO FARE INSIEME”. Quello che suona come un augurio per Berlusconi, suona come una minaccia per i cittadini.

{Articolo apparso anche su MenteCritica}

veltrusconis

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento