Giacarta affonda: l’Indonesia costruirà una nuova capitale entro il 2024

jakarta-indonesia

Donne in bicicletta a Kota Tua Jakarta, la città vecchia di Giacarta, Indonesia. Foto Rohiim Ariful / Unsplash

Giacarta finirà sott’acqua: la nuova capitale sorgerà nel Borneo, in un’area oggi coperta dalla giungla 

(Asiablog.it) — Il presidente della Repubblica di IndonesiaJoko Widodo, ha presentato lunedì un piano per la costruzione di una nuova capitale che rimpiazzerà quella attuale, Giacarta, che è sovraffollata e sta affondando.

La nuova capitale, che non ha ancora un nome, verrà costruita in un’area oggi coperta dalla giungla nella provincia del Kalimantan Orientale, sul Borneo, l’isola più grande dell’arcipelago indonesiano e la terza isola più grande al mondo.

Il luogo è stato selezionato per una serie di ragioni. Innanzitutto si trova geograficamente al centro dell’immenso Paese asiatico, che con le sue 17.508 isole – di cui solo 7000 abitate – è il più grande Stato arcipelago al mondo. Inoltre la provincia è relativamente poco popolata — solo 3,5 milioni di persone — ma ha già una decente rete di infrastrutture. E non da ultimo, il Borneo è meno soggetto a disastri naturali, mentre altre isole indonesiane sono regolarmente piagate da eruzioni vulcaniche, terremoti e tsunami.

Gli ambientalisti temono che il progetto accelererà la distruzione delle foreste del Borneo — che ospitano animali a rischio d’estinzione come gli oranghi, gli orsi del sole e le nasiche — e che aumenterà il problema dell’inquinamento dell’isola, che già soffre la presenza di miniere di carbone e di industrie che producono olio di palma.

Nonostante le critiche e i costi legati all costruzione di una nuova città, stimati in oltre 30 miliardi di dollari, il governo ha preso questa decisione perché provare a salvare Giacarta, l’attuale capitale, sarebbe costato ancora di più, e il successo non sarebbe stato garantito.

Giacarta è una megalopoli di 10 milioni di abitanti (30 milioni, considerando l’area metropolitana) con molti problemi, in gran parte causati dall’uomo. Le sue risorse idriche superficiali sono molto inquinate. Lo smog ha raggiunto livelli tra i più alti al mondo. Il traffico è pazzesco (si stima che gli ingorghi costino all’economia circa 6,8 miliardi di dollari all’anno). E molte zone della città stanno letteralmente affondando, alcune al ritmo elevatissimo di circa 10 centimetri l’anno. Secondo alcune stime, nel 2050 il 95% di Giacarta sarà sotto il livello del mare.

Alcuni anni fa era stato proposto un piano molto ambizioso per provare ad impedire che Giacarta affondasse nell’oceano. Prevedeva la costruzione di una cintura di isole artificiali al largo della città, collegate da un sistema di dighe e chiuse, che avrebbero trasformato la baia di Giacarta in una laguna artificiale. Non se ne è fatto niente perché il costo stimato era di circa 4o miliardi di dollari e c’erano tutta una serie di problemi da risolvere che rischiavano di trasformare il faraonico progetto in un fallimento epocale.

Secondo i progetti del governo indonesiano, il trasferimento delle sedi istituzionali avverrà entro il 2024. La nuova capitale ospiterà un milione e mezzo di funzionari pubblici.

L’Indonesia non  è il primo Paese a spostare la sua capitale. Tanto per citare alcuni esempi, il Burundi ha spostato la sua capitale da Bujumbura a Gitega, nel 2018. La Birmania/Myanmar da Yangon a Naypyidaw, nel 2006. Il Kazakistan da Almati a Astana, nel 1997. La Nigeria da Lagos ad Abuja, nel 1976. Il Pakistan da Karachi a Islamabad, nel 1967. Il Brasile da Rio de Janeiro a Brasilia, 1960. E l’Egitto sta costruendo una nuova capitale nel deserto. Altri Paesi hanno fatto spostamenti più ridotti, sostanzialmente costruendo nuovi quartieri per i ministeri non lontano dalla capitale ufficiale, allo scopo di decongestionare quest’ultima. È il caso di Putrajaya, che nel 1998 è diventata il nuovo centro amministrativo federale della Malaysia.

indonesia-capital

La nuova capitale dell’Indonesia sorgerà nel Borneo, nella provincia del Kalimantan Orientale.

 

Asiablog.it [Sito|Facebook|Twitter|Newsletter]


Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Indonesia and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Giacarta affonda: l’Indonesia costruirà una nuova capitale entro il 2024

  1. Lampino says:

    Solo gli ingorghi costano 6,8 miliardi l’anno. Le malattie portate dall’inquinamento chi lo sa quanto fanno spendere. Sposare la capitale altri 32 miliardi minimo. Pensate quanto costano le cose fatte male. Se 100 anni fa o 50 anni fa avessero avuto l’idea di fare una capitale pianificata come Washington, Brasilia o Canberra quanto avrebbero risparmiato?

  2. bortocal15 says:

    nel mio viaggio in Indonesia del 2013 ho accuratamente evitato Giacarta per i problemi che accenni anche tu, ma ciononostante non sono riuscito a evitare i suoi ingorghi di ore sulle autostrade esterne, passando da Sumatra e da Giava occidentale al resto di Giava.

    a me pare che l’idea di lasciare Giacarta al suo destino sia apocalittica, e del resto non è neppure l’unica città indonesiana che sta affondando: io ho visto Semarang, che sta subendo lo stesso destino.

    https://www.youtube.com/watch?v=vLiPUd6Sze0

    perfino alla guesthouse dove stavo si doveva entrare passando il cortile a guado.

    l’idea che la nuova capitale sia geograficamente al centro di quel subcontinente insulare è abbastanza sciocca, dato che dalla cartina che hai opportunamente pubblicato, appare invece abbastanza decentrata; inoltre la popolazione indonesiana è concentrata soprattutto a Giava che ha 160 milioni di abitanti: che cosa significherà una capitale raggiungibile da lì solo con più di un’ora di aereo in un’isola che non ha 4 milioni di abitanti?

    isolamento politico implicitamente autoritario?

    e la distruzione della giungla del Borneo è assicurata.

    • danilocdea says:

      La lasciano al suo destino? Da quello che ho capito fanno una capitale nuova proprio per aiutare Jakarta togliendogli diversi milioni di persone che si dovranno spostare nella nuova capitale.

      • bortocal15 says:

        sì, più di un milione di persona lasceranno entro 5 anni la nuova capitale – tale è il peso dell’apparato statale e amministrativo del paese.

        non credo proprio che questo basterà a cambiare le sorti di una città di più di 10 milioni di abitanti, anche tenendo conto dell’innalzamento del livello dei mari dovuto al riscaldamento globale.

        sta di fatto che l’enorme spesa necessaria alla costruzione della nuova capitale sarà di poco inferiore ai costi del progetto di isole artificiali e dighe di tipo olandese, per salvare la metropoli, e se questa spesa è stata giudicata eccessiva, non si deve certo fare conto che ci saranno altri interventi in loco.

        quindi Giacarta continuerà ad affondare lentamente, sperando che chi può se ne vada, e i topi più altolocati si preparano a lasciare la nave: questa mi pare la realtà.

        certo, non aspettiamoci che il governo indonesiano, che ha fatto questa scelta, la proclami sui tetti.

        • Danilocdea says:

          Chi vivrà vedrà. Se è vero che il livello del mare si alzerà di molto saranno parecchie le città che finiranno nella merda.

  3. Ou o ser humano se adpata e respeita a natureza ou quem será extinta será a raça humana…

  4. Pingback: la fine di Giacarta – bortoblog 33 – cor-pus 15

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento