Sciopero globale per il clima: si chiedono azioni concrete per contrastare l’emergenza climatica

sciopero clima

La manifestazione di Sydney in Australia. Foto Clover Moore

Manifestazioni in 150 Paesi nella più grande mobilitazione ambientalista mondiale di sempre: lunedì il summit Onu sul clima 

(Asiablog.it) — Dai Paesi del Pacifico all’America, passando per Asia, Africa e Europa: venerdì 20 settembre 2019 gli studenti di tutto il mondo scendono in piazza in una giornata di manifestazioni per chiedere ai governi azioni concrete per contrastare l’emergenza climatica. Ai giovani si sono uniti innumerevoli gruppi ambientalisti e per i diritti umani, sindacati e movimenti sociali.

Sulla scia dell’iniziativa dell’adolescente svedese Greta Thunberg, che ha iniziato i suoi “skolstrejk för klimatet” un anno fa, questo altamente simbolico “sciopero globale del clima” è una delle più grandi azioni transnazionali mai organizzate, con più di 5.000 eventi in 150 Paesi.

L’azione globale raggiunge il suo clou con una grande manifestazione a New York, dove si prevede parteciperanno oltre 1 milioni di persone, tra cui moltissimi studenti. New York è la città che a partire da lunedì 23 settembre ospiterà il summit delle Nazioni Unite (Onu) sul clima. Parteciperanno capi di Stato e di governo, amministratori locali , imprenditori, ong e attivisti per fare il punto sugli sforzi di ciascun Paese per combattere la crisi climatica.

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha chiesto ai leader mondiali di incrementare gli sforzi per tagliare le emissioni di gas serra, in linea con gli impegni presi nell’ambito dell’Accordo di Parigi del 2015, che mirano a contenere l’aumento della temperatura media globale ben al di sotto della soglia di 2 °C oltre i livelli pre-industriali. Per raggiungere questo obiettivo i 184 Paesi firmatari si sono impegnati a ridurre del 45% le emissioni nel prossimo decennio e di arrivare al traguardo di zero emissioni nette al 2050.

Per l’Italia parteciperanno il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, e l’attivista del movimento Fridays For Future, la 24enne Federica Gasbarro, studentessa di biologia.

 

Asiablog.it [Sito|Facebook|Twitter|Newsletter]


Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Salute, Ambiente e Ecologia and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Sciopero globale per il clima: si chiedono azioni concrete per contrastare l’emergenza climatica

  1. estevamweb says:

    Siamo insieme anche qui in Brasile … mobilitazione generale …

  2. Anna Maria Beatrice says:

    Perche non c’è una Greta che mobilita il mondo intero perché non di usi più materiale atomico? Ci tendiamo conto quanto danno fa all’atmosfera le armi chimiche o atomiche usate in guerra? Fermeremmo troppi interessi internazionali che allora basta con sta buffonata di Greta!

  3. Stefano Fait says:

    Basta cazzate. I miti progressisti servono a degradare le facoltà cognitive del genere umano.

  4. Pingback: storie dal mio pollaio – bortoblog 35 – cor-pus 15