Guerra in Ucraina, la lettera lucida e disperata della premier estone Kaja Kallas

Kaja Kallas, premier dell'Estonia.

Kaja Kallas, premier dell’Estonia.

Serve una strategia di «contenimento intelligente», scrive Kaja Kallas, premier dell’Estonia. «Continuano a chiedermi se penso che l’Estonia sarà il prossimo Paese ad essere invaso dalla Russia…»

(Asiablog.it) — Kaja Kallas è la prima ministra dell’Estonia. Suo nonno era Eduard Alver e fu uno dei fondatori della Repubblica di Estonia, nel 1918. Suo padre è Siim Kallas, ex primo ministro estone dal 2002 al 2003 ed ex Commissario europeo dal 2004 al 2014. Durante le deportazioni sovietiche dall’Estonia, sua madre Kristi, che all’epoca aveva sei mesi, fu deportata in Siberia con la madre e la nonna su un carro bestiame e visse lì fino all’età di dieci anni. (Solo nel 1949 i sovietici deportarono in Siberia oltre 20.000 estoni, pari al 3% della popolazione totale, in maggioranza donne e bambini). Kaja Kallas è stata europarlamentare dal 2014 al 2018, per poi diventare segretaria del Partito Riformatore Estone e, dal 26 gennaio 2021, prima ministra dell’Estonia. È la prima donna estone a ricoprire questo incarico.

Questa la sua lettera, pubblicata sul settimanale britannico The Economist il 6 aprile 2022 con il titolo Kaja Kallas on the atrocities in Ukraine:

Scrivo queste parole mentre il mondo si sveglia con le scene orribili di Irpin e Bucha, sobborghi di Kyiv in Ucraina. Vediamo immagini di fosse comuni e civili uccisi dalle truppe russe. Queste foto ricordano agli estoni le uccisioni del regime sovietico e dell’NKVD, il suo ministero delle forze dell’ordine. La sua macchina del terrore di stato ha ucciso i civili esattamente nello stesso modo. Le deportazioni e i campi di filtraggio riportano me e ogni altra famiglia estone a ricordi dolorosi dei Gulag, i campi di prigionia, e della repressione sotto l’occupazione sovietica.

Mettere i civili in prima linea è una tattica di guerra russa. La prova? Ci sono più vittime civili che militari, soprattutto se si considera che non è un caso che un quarto della popolazione ucraina sia stata costretta a fuggire dalle proprie case o che la Russia abbia organizzato catastrofi umanitarie in città come Mariupol. Prendere di mira i civili è un crimine di guerra secondo il diritto internazionale. L’Ucraina non è un campo di battaglia; è una scena del crimine. Così come il Ruanda e Srebrenica.

Gli autori di queste atrocità devono essere assicurati alla giustizia. Il mondo libero dovrebbe dare il suo pieno sostegno, sia politico che pratico, all’indagine avviata il mese scorso dal procuratore capo della Corte penale internazionale sui crimini di guerra e contro l’umanità. Questi reati non vanno in prescrizione e quindi nemmeno le indagini. Conosciamo ancora solo una parte delle atrocità commesse dalle truppe russe; la vera portata della brutalità del Cremlino deve ancora essere vista.

Come madre, mi fa male l’anima vedere come migliaia di persone stanno perdendo la vita in Ucraina. Il Cremlino sta mandando a morire i suoi giovani e sta massacrando persone innocenti e bombardando a tappeto le loro case. E per cosa? Per il bene dell’ambizione imperialista di Vladimir Putin. Ormai è diventato del tutto chiaro che, sebbene l’Unione Sovietica sia crollata, la sua ideologia imperialista non lo è mai passata di moda.

La sofferenza e la devastazione in Ucraina sono tutt’altro che finite poiché gli obiettivi strategici di Putin non sono cambiati. I negoziati sotto la minaccia delle armi non offrono una formula magica per evitare un’altra guerra e la pace ad ogni costo non significa che le atrocità finiranno. Qui parlo sulla base dell’esperienza del mio Paese. Dopo la seconda guerra mondiale, per l’Estonia e molti altri Paesi, la pace significò l’inizio dell’occupazione sovietica, con il suo enorme costo umano. Ha portato rinnovate sofferenze attraverso massacri, repressioni, deportazioni di massa e altri crimini contro l’umanità.

L’esperienza dell’Estonia ci ricorda che il nostro obiettivo principale oggi deve essere come aiutare l’Ucraina a liberarsi dalle forze di occupazione, ripristinare la sua integrità territoriale e fermare l’aggressione russa. Non posso fare a meno di ammirare la coraggiosa battaglia che sta conducendo Volodymyr Zelensky e le scelte estremamente difficili che deve affrontare.

Tutti i segnali di avvertimento erano presenti negli ultimi decenni: nostalgia imperiale, la narrativa del vittimismo russo e le guerre di Putin in Cecenia, Georgia, Donbas e Crimea. Abbiamo sentito affermare che l’Ucraina, che ha una popolazione di 44 milioni di abitanti ed è il terzo paese più grande per territorio in Europa (dopo Russia e Turchia), non aveva il diritto di esistere. A dicembre la Russia ha dato un ultimatum alla NATO per limitare il suo dispiegamento di truppe e armi, e in definitiva per invertire l’allargamento dei Paesi membri, in modo da riportarla alle sue dimensioni nel 1997.

Le ultime tre guerre di Putin illustrano perché non deve vincere questa e perché a Mosca non si può permettere di fingere di aver guadagnato qualcosa nel processo. Abbiamo lasciato che Putin se la cavasse con questa aggressione diverse volte in precedenza. Non possiamo permettergli di farla franca di nuovo adesso. Se ciò accadesse, il suo appetito non farebbe che crescere e seguirebbero altre atrocità e altre sofferenze umane.

La crisi ucraina ha reso ancora una volta chiarissimo il motivo per cui i Paesi dell’Europa centrale e orientale, dopo essersi liberati dall’occupazione sovietica, hanno chiesto rapidamente di aderire alla NATO. L’alleanza non esiste per minacciare la Russia: è un’alleanza difensiva. Esiste per impedire a decine di milioni di persone di essere ridotte in schiavitù e massacrate dai dittatori. E sono le azioni dell’Unione Sovietica, e poi della Russia, che spiegano perché così tanti paesi hanno voluto aderire alla NATO. Coloro che la incolpano di “espansione” ed “escalation” soccombono all’ideologia e al linguaggio stessi imperiali perseguiti dal Cremlino. Questi sono contrari ai principi della sovranità statale e della democrazia.

Siamo in un momento decisivo e le decisioni che prendiamo ora avranno ripercussioni per decenni. La guerra tocca i confini dell’Unione Europea. La nostra risposta e il nostro sostegno all’Ucraina determineranno se è possibile una pace duratura nel nostro continente. Credo che i passi che dobbiamo intraprendere dovrebbero rientrare nell’etichetta “contenimento intelligente“.

In primo luogo, l’aiuto militare all’Ucraina deve essere la nostra massima priorità. Ciò significa, tra le altre cose, inviare armi e materiale di cui gli ucraini hanno bisogno e che hanno richiesto. Hanno bisogno di aiuto non solo per proteggere meglio i loro cieli, ma anche per riprendersi le loro città e liberare le persone dall’occupazione e dalla repressione russa. Il coraggioso popolo ucraino non si è ancora stancato e quindi non possiamo farlo noi. C’è ancora molto da fare e dobbiamo impegnarci in questo per gli anni a venire.

In secondo luogo, dobbiamo disarmare finanziariamente il Cremlino e la sua macchina da guerra. Se non prosciughiamo rapidamente le sue entrate economiche, la Russia sarà in grado di continuare la sua aggressione e i suoi massacri. Lo scorso anno gli idrocarburi sono stati una delle principali fonti di entrate del bilancio statale russo (oltre il 40%). Quest’anno si stanno rapidamente trasformando nella fonte principale, a causa dell’aumento della domanda e dell’aumento dei prezzi. Se il mondo libero vuole smettere di finanziare la guerra di Putin, il nostro obiettivo deve essere quello di prosciugare queste entrate il prima possibile. Se non siamo pronti a fermare gli acquisti di idrocarburi tutto in una volta, dovremmo creare uno speciale deposito di garanzia (escrow account), per riservare parte del denaro pagato per il petrolio e il gas russi. Ciò diminuirebbe rapidamente le entrate ricevute dal Cremlino. Invierebbe un chiaro segnale a Putin: questa guerra costerà una fortuna alla Russia. Non solo la Russia pagherà per ogni proiettile sparato dal suo esercito, ma pagherà anche per ogni ponte distrutto e ogni casa bombardata in Ucraina. Il Cremlino deve pagare il dovuto per i danni causati.

Terzo, la NATO deve dimostrare di essere determinata, capace e pronta a difendere ogni centimetro del suo territorio e, se necessario, ad usare la forza. A volte il modo migliore per raggiungere la pace è essere disposti a usare la forza militare.

Vivere sulla prima linea del mondo libero significa che in Estonia dobbiamo fare molto di più per la nostra difesa. Il mio governo ha deciso di aumentare significativamente il nostro contributo: la nostra spesa per la difesa l’anno prossimo sarà superiore all’obiettivo della NATO del 2% del PIL. Lo porteremo fino al 2,5% del PIL.

Continuano a chiedermi se penso che l’Estonia sarà il prossimo Paese ad essere invaso dalla Russia. Dovremmo fare di tutto per assicurarci che nessun Paese sarà il prossimo. Se invece le nostre forze ci vengono meno proprio in questo momento, allora faremmo meglio a preoccuparci se la NATO sarà la prossima. È l’alleanza difensiva di maggior successo di sempre e non è mai stata invasa militarmente nella sua storia. C’è una ragione chiara per questo: la sua deterrenza ha funzionato. Per mantenerlo così, dobbiamo sforzarci di adattare adeguatamente la nostra postura militare.

Abbiamo bisogno di un cambiamento politico a lungo termine nella postura di difesa della NATO. Ciò significa avere più truppe pronte al combattimento collocate permanentemente negli Stati baltici, supportate da artiglieria a lungo raggio, difesa aerea e altre capacità abilitanti. Significherebbe anche più aerei della NATO nei nostri cieli e più navi nel Mar Baltico. Il lavoro è in corso e le decisioni finali saranno prese al vertice della NATO a Madrid in giugno.

L’Ucraina non è vittima di un errore di calcolo una tantum da parte di un pazzo. Stiamo assistendo a una campagna a lungo pianificata dal Cremlino per esercitare il controllo sui Paesi vicini attraverso la forza bruta, indipendentemente dal costo umano. Abbiamo bisogno di pazienza strategica e perseveranza a lungo termine con politiche per fermare questa aggressione e per prevenirne di nuove.

L’aggressione della Russia contro l’Ucraina è un attacco contro l’umanità e le sue conseguenze saranno globali. Ci vuole coraggio, chiarezza morale e azione per opporsi e fermarla. Abbiamo promesso “mai più”. Dobbiamo agire ora se vogliamo davvero che questa sia l’ultima volta. L’indifferenza è la madre di tutti i crimini.

Lettera

Lettera

Asiablog.it [Sito|Facebook|Twitter|Instagram]

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Europa, Guerra e Terrorismo and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.