Life in Palestine – Vita in Palestina

Secondo le fonti citate dalla CNN, che sono Tzahal, le forze armate israeliane, e l’ospedale di Gaza al-Wafa, la cosiddetta guerra fra Israele e Hamas ha fatto 435 morti palestinesi e 4 israeliani in una settimana, un rapporto di cento palestinesi per ogni israeliano. A parte ogni considerazione morale, politica o strategica, è evidente che esista una certa sproporzione fra l’efficacia dei razzi di Hamas e l’efficacia delle armi israeliane come i micidiali missili americani antiuomo M26, nella foto. La domanda rimane dunque sempre la stessa: la difesa è legittima, ma come si definisce la legittima difesa? Che cosa significa “vincere” se il tuo nemico non soltanto non teme, ma al contrario cerca la propria morte come segno di vittoria e più ne ammazzi, più si considera vincitore?

(Vittorio Zucconi, Direttore de La Repubblica)

“Qui non si muore solo per i bombardamenti ma anche per la paura e i bambini sono le prime vittime”. Lo dice Padre Manuel Musallam, parroco di Gaza e direttore della scuola cristiana Holy Family, intervistato al telefono. Stamani alle 10, ha raccontato il prete palestinese, una bambina di 12 anni della famiglia Abu Ras e’ morta di infarto nella sua abitazione: “Non l’hanno potuta nemmeno portare in ospedale perche’ e’ troppo lontano”, ha spiegato. Lo scorso venerdi’ un’altra studentessa della scuola cristiana Holy Family , Christine Ouadiah Turk e’ morta per la paura, in seguito a un bombardamento “I bambini stanno letteralmente impazzendo a causa dei bombardamenti – ha spiegato padre Musallam – Piangono e gridano continuamente. Sono in una condizione di stress costante”, ha spiegato il prete palestinese che e’ anche preside dell’unica scuola cristiana di Gaza. Ieri notte una bomba e’ caduta a circa 50 metri dalla chiesa e a 30 metri dalla casa delle suore. Secondo il religioso palestinese a Gaza e’ in corso una crisi umanitaria senza precedenti: “La gente usa la farina destinata agli animali per cucinare. L’altro giorno un panettiere si vergognava a darmi il pane perche’ diceva che era troppo impuro per un prete”. In nove giorni di assedio oltre a obiettivi militari sono state colpite diverse case, strade, caserme della polizia, uffici governativi e sette moschee. “E’ vero, ci sono i miliziani qua ma la maggior parte degli abitanti di Gaza sono povere persone, innocenti. Anche i poliziotti uccisi i primi giorni. Loro lavoravano per Hamas ma non appartenevano a quel movimento. Anch’io sono sotto il governo di Hamas. Questo significa che sono un terrorista?”.

Fonte:

http://www.repubblica.it/ultimora/24ore/GAZA-PARROCO-quotBAMBINI-MUOIONO-DINFARTO-O-IMPAZZISCONOquot/news-dettaglio/3483089

 

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Israele, Palestina and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento