Franceschini, ascolta un cretino. Eccoti in regalo, “a gratis”, 4 punti semplici e inderogabili intorno ai quali ricostruire un PD veramente moderno e democratico

Un consiglio, a gratis, al Sig. Franceschini.

Ecco quelli che a mio avviso dovrebbero essere quattro semplicissimi e possibilissimi punti di partenza, inderogabili e indiscutibili, per il PD che tanti italiani sperano nascerà dalle ceneri dell’inconsistente baraccone veltroniano.

Per far contenti i cattolici piddini, vi ho inserito anche una celebre frase dell’unico presidente cattolico che gli SUA abbiano mai avuto: Kennedy. Lo so, lo so, sembrano quattro cosette scontate, ma in Italia, soprattutto nel clima surreale del Berlusconismo dilagante, niente è piu’ scontato.

I 4 punti:

  1. la Repubblica Italiana e la Costituzione della Repubblica Italiana nascono dalla lotta antifascista, durante la quale tanti uomini e donne hanno dato la vita per la Libertà, Libertà dell’Italia dagli stranieri e Libertà di ogni singola persona all’interno della società. Che il partito che nascerà si impegni a difendere ed ampliare le Libertà di cui godono i cittadini italiani.

  2. “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” (Art. 1 Costituzione della Repubblica Italiana). Che il partito che nascerà si impegni a mettere i temi del lavoro al centro della sua azione politica.

  3. “…Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuna nel proprio ordine, indipendenti e sovrani…” (Art. 7 Costituzione della Repubblica Italiana). O anche: “Io credo in un’America [sostituire alla parola America la parola Italia, ndr] dove la separazione tra Stato e Chiesa sia assoluta. Dove nessun gruppo religioso cerchi di imporre i suoi voleri direttamente o indirettamente sulla popolazione o sugli atti pubblici dei suoi funzionari…” (John Fiztgerald Kennedy). Che il partito che nascerà si impegni a difendere la separazione assoluta tra Stato e Chiesa.

  4. Che il partito che nascerà si impegni a mettere in un bussolotto tutte le leggi che regolamentano il “conflitto di interessi” dei cittadini che rivestono incarichi pubblici presenti in tutti i paesi democratici del mondo, estrarne una a sorte ed introdurla nell’ordinamento italiano entro i primi 100 giorni di governo.

Sarebbe tutto semplice e scontato, se l’Italia fosse un paese pienamente civile e moderno.

..

Articolo apparso anche su Mente Critica 

.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Italia and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento