Espropriato un miliardo di euro al Berlusconi thailandese

thaksin shinawatra thailandia supporters (Nella foto, sostenitori di Thaksin disperati per la sentenza)

La Corte Suprema di Bangkok ha espropriato una buona parte delle fortune dell’uomo piu’ ricco della Thailandia, che andranno a finire nelle casse dello Stato. La Corte ha requisito 46 miliardi di baht (circa un miliardo di euro) all’ex primo ministro thailandese Thaksin Shinawatra e alla sua famiglia. Precedentemente gli erano stati “congelati” circa 76 miliardi di baht. La decisione e’ stata presa per punire il conflitto di interessi di Thaksin tra i suoi molteplici interessi finanziari e il suo ruolo di primo ministro svolto dal 2001 al 2006. Durante gli anni del suo governo, la famiglia Thaksin moltiplico’ il suo patrimonio da 15 a 75 miliardi di baht. Per i giudici, Thaksin avrebbe utilizzato il suo potere politico per fare leggi in favore delle sue aziende. Prima di essere cacciato dal potere da un colpo di stato militare nel settembre del 2006, Thaksin era anche stato accusato di corruzione, autoritarismo, tradimento, lesa maesta’, di aver messo il bavaglio alla stampa e di aver svenduto beni nazionali a investitori stranieri. Amnesty International critico’ aspramente Thaksin per la sua “guerra alla droga” nella quale vennero uccise migliaia di persone. Ad ogni modo, il ‘crimine’ piu’ grave dell’imprenditore di Chiang Mai fu, probabilmente, quello di essersi inimicato il potentissimo complesso monarchico-militare thailandese, che alla fine ha deciso di sbarazzarsi di lui con i carri armati.

La Thailandia, paese del sud-est asiatico di 65 milioni di persone, e’ oggi politicamente spaccata in due. Una parte della popolazione disprezza Thaksin, soprattutto nelle regioni del sud e tra la classe media della capitale, considerandolo un politico corrotto e un imprenditore senza scrupoli. Ma per via delle sue politiche populiste, Thaksin e’ ancora molto amato da una parte dei thailandesi, soprattutto nelle aree rurali del nord e del nord-est del paese. I suoi sostenitori sono comunemente chiamati “Camicie Rosse” per il colore, simbolo del Popolo, adottato nelle loro manifestazioni. Torneranno a scendere in piazza il 14 marzo per protestare contro quella che ritengono una sentenza politicamente motivata, per chiedere le dimissioni del primo ministro Abhisit Vejjajiva, salito in seguito ad un ribaltone favorito dalle potenti gerarchie militari, e per ottenere nuove elezioni. Thaksin dal 2006 vive in esilio tra la Gran Bretagna, Dubai, Hong Kong e la Cambogia, da dove sta continuando a seguire le vicende politiche interne, cercando in ogni modo di salvaguardare i suoi interessi ed ottenere un’amnistia per tornare in patria.

Alessio Fratticcioli [ Articoli | Facebook Twitter ]

Asiablog [ Sito | Facebook  Twitter ]

(scritto per Giornalettismo)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia, Thailandia Politica and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento