Cina: Tumulti e Rivolte Popolari per la Terra

Tumulti e rivolte si diffondono nelle province industriali del Guangdong, Jiansu e Zhejiang. Gli “incidenti di massa”, come li hanno definiti a Pechino, si moltiplicano. A manifestare il dissenso non sono i secessionisti dello Xinjiang o gli indipendentisti del Tibet, e tanto meno gli intellettuali oppositori. Sono i contadini, i migranti rurali e gli operai che rivendicano la proprietà collettiva della terra, contestano l’aumento dei beni alimentari, i bassi salari e gli interessi capitalisti dell’economia di mercato socialista. […]

La popolazione rurale (57% della popolazione totale) rivendica i diritti collettivi di utilizzazione dei terreni agricoli sanciti con la riforma di Deng Xiaoping (1978), terreni ora privatizzati e svenduti a speculatori e società di costruzioni. […]

Dov’è la “nuova Cina” che il PCC afferma di aver costruito? Ad emergere non è solo il ritorno alla “vecchia società” ma anche la debolezza della “strategia inglobante” dello stato-partito a fronte di una minacciosa atomizzazione sociale, alla quale risponde con la severità del pugno di ferro in guanto di velluto, inasprendo la morsa repressiva sugli oppositori e dissidenti.

Leggi l’articolo completo di Dolores Cabras su The Post Internazionale.

[Nella foto, le firme dei cittadini a favore delle proteste di Lufeng, Guangdong, Cina. Dal NYT)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Cina and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento