Italiano perde un piede in un incidente. Per riattaccarlo i medici vogliono 20.000 euro e aspettano 12 ore. Accade in Thailandia

Alessandro Amadori, 27 anni, di Olbia, si era recato nell’isola di Phuket, in Thailandia, per trascorrere le vacanze di Natale insieme a tre amici. E’ finita in tragedia.

Il 30 dicembre il giovane sardo ha affittato una moto per girare l’isola e, purtroppo, e’ finito contro un guardrail che gli ha staccato di netto un piede. Ma non finisce qui!

Alessandro è stato ricoverato al Bangkok Hospital di Phuket, un centro privato. Secondo quanto dichiarato dalla madre di Alessandro al quotidiano La Nuova Sardegna, all’ospedale i medici avrebbero chiesto 5mila euro per intervenire.

Ovviamente, né il ferito né i suoi tre giovani amici avevano in tasca tale somma, e alle 3 del mattino era impossibile far inviare del denaro dalla famiglia in Italia.

La famiglia di Alessandro e’ riuscita pero’ a mettersi in contatto con il console onorario italiano a Phuket, chiedendo una sua mediazione. Il console si e’ precipitato in ospedale ed ha trattato per quattro ore con i medici per convincerli a operare Alessandro.

Alla fine, stando al racconto della madre, i medici hanno accettato di riattaccare il piede dopo ben 12 ore dall’incidente. L’ospedale si è mosso solo dopo che sono stati anticipati 4mila euro e dietro garanzia di un totale di 20.000 euro. “Hanno tenuto il piede amputato sotto ghiaccio fino a quando non siamo riusciti a convincerli,” ha dichiarato la madre.

Ora sull’osso c’è il rischio di necrosi e sarà indispensabile intervenire di nuovo perché abbia qualche possibilità di conservare l’arto. C’e’ anche il problema di trovare i 20.000 euro.

Il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli dal palco del concerto la notte di Capodanno ha lanciato l’appello per una colletta a favore della famiglia. A complicare le cose, ad Alessandro e’ stato anche ritirato il passaporto.

Al quotidiano La Nuova Sardegna la madre ha dichiarato:

«Devo andare a riprendere Alessandro. Mio figlio è bloccato in ospedale. Gli hanno anche sequestrato il passaporto. L’albergo chiede 1600 euro per la moto distrutta nell’incidente. Ora devo correre da mio figlio. Incredibile, in ospedale non lo hanno voluto assistere fino a quando non hanno avuto rassicurazioni sui soldi. E di preciso non mi hanno detto quanto costerà la degenza. All’inizio volevano 5mila euro, ora siamo arrivati a 20mila senza che nessuno mi abbia spiegato il motivo».


Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia, Thailandia Viaggi and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Italiano perde un piede in un incidente. Per riattaccarlo i medici vogliono 20.000 euro e aspettano 12 ore. Accade in Thailandia

  1. Pingback: Thailandia, italiano preso a sprangate a Phuket «vivo per miracolo» | Asiablog.it

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento