Cose surreali… alle presidenziali Usa (1/3)

I candidati alle primarie USA del Partito Repubblicano fanno ridere anche i polli, spiega Paolo Valentino sul Corsera.

Valentino, a lungo corrispondente dagli Stati Uniti, fa tutto un elenco di dichiarazioni e posizioni politiche dei candidati conservatori che definisce delle “gaffe.”

Valentino ci ricorda dunque che:

  • Perry sostiene il creazionismo, ha dato del “terrorista” al governo turco e ha difeso i soldati che hanno pisciato in faccia agli afghani morti;
  • Bachmann vuole “curare gli omosessuali”,
  • Santorum, il cattolicissimo anti-gay e anti-aborto senatore della Pennsylvania, ha messo in discussione la divisione tra Stato e Chiesa, ha paragonato le nozze gay alla poligamia e il sesso omosessuale al sesso con animali;
  • Romney ha detto che gli USA dovrebbero “tornare in Iraq”, che gli “piace licenziare” e, davanti a una platea di  disoccupati, che anche lui e’ “senza lavoro” (dimenticandosi di aggiungere un particolare: possiede un patrimonio di 200 milioni di dollari),
  • Gingrich ha proposto di far lavorare i bambini poveri nelle scuole come sguatteri e ha detto che con Obama gli USA rischiano di diventare un paese “dominato da islamisti radicali”,
  • e via dicendo.

Tutte queste, secondo Valentino, sono solo delle “gaffe,” cioè espressioni goffe, poco riuscite. Nulla di più.

Ma c’e’ un candidato repubblicano diverso, che dentro alla destra americana c’entra come i cavoli a merenda: Ron Paul (continua a leggere).

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Guerra e Terrorismo, Iraq, Media, Comunicazione, Giornalismo, Stati Uniti d'America and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento