In Corea si fa la storia: Kim Jong-un varca il 38° parallelo per entrare in territorio sudcoreano

coree pace

Coree verso la pace?
Kim Jong-un stringe la mano a Moon Jae-in a cavallo del confine tra Corea del Nord e Corea del Sud, 27 aprile 2018

Con un solo passo, Kim Jong-un si è lasciato alle spalle decenni di ostilità: è il primo leader nordcoreano ad attraversare la zona demilitarizzata (DMZ) dal 1953. “Non ti sveglierò più all’alba” (con il lancio di missili), ha promesso al Presidente della Corea del Sud

(Asiablog.it) — Erano le 9:30 del mattino in Corea, le 2:30 di notte in Italia, quando il leader della Corea del Nord Kim Jong-un ha superato il gradino di cemento che segna il confine tra le due Coree all’altezza del 38º parallelo: è il primo leader della Corea del Nord a metter piede nel territorio nella Corea del Sud.

Scavalcando il gradino mano nella mano con Moon Jae-in, il Presidente della Corea del Sud, Kim ha ammesso di sentire il peso dell’incontro in “un luogo così storico”. La tua decisione di venire qui è stata molto coraggiosa”, ha risposto Moon. Kim ha ricambiato invitando Moon ad entrare nel lato nord della DMZ: “Forse questo è il momento giusto per entrare nel territorio della Corea del Nord”, ha detto Kim a Moon, che ha subito accettato.

La gente incollata davanti ai maxischermi della città sudcoreane ha reagito in modo incredulo. “Non avrei mai pensato di poter assistere ad una cosa del genere nell’arco della mia vita, sono felice di essere testimone della storia”, ha detto un sudcoreano intervistato dalla CNN.

“Ho portato i miei figli ad assistere a questo momento storico”, ha detto il sudcoreano Kim Dong-soo, 40 anni, padre di due bambini. “Sogno che possano vivere in un Paese unificato e che possano prendere un treno da qui all’Europa”.

Coree, denuclearizzazione e trattato di pace

Dopo essersi incontrati presso la linea di demarcazione che separa le due Coree, Kim Jong-un e Moon Jae-in si sono riuniti attorno a un tavolo appositamente progettato al secondo piano della Casa della Pace, nel villaggio di Panmunjon, in Corea del Sud.

“Ora comincia una nuova storia: un’era di pace“, ha scritto Kim sul libro degli ospiti. Con una battuta autoironica, il leader della Corea del Nord ha anche promesso a Moon Jae-in che “non lo sveglierà più all’alba”. Un chiaro riferimento ai recenti lanci di missili nordcoreani avvenuti in gran parte alle prime luci del giorno. “Mai più guerra nella Penisola Coreana”, ha promesso Moon.

Al momento è in corso il primo incontro tra i leader delle due Coree in oltre un decennio: un vertice storico dalle vaste implicazioni per il mondo intero.

Durante i colloqui, Kim e Moon dovranno concentrarsi su tre argomenti con implicazioni a livello mondiale: il miglioramento delle relazioni bilaterali, la denuclearizzazione della penisola coreana, e un piano per arrivare a un vero e proprio trattato di pace che superi l’armistizio firmato nel 1953 con cui si è conclusa la Guerra di Corea (1950-1953).

Il mondo osserva col fiato sospeso. Per il momento, quel che sembrava impossibile fino a pochi mesi fa è invece avvenuto: Nord e Sud si stringono la mano e siedono al tavolo delle trattative.

Kim Jong-un attraversa il confine

Coree, Kim Jong-un e Moon Jae-in mano nella mano

Kim in Corea del Sud

Kim Jong Un è il primo leader nordcoreano ad attraversare la zona demilitarizzata (DMZ) dal 1953

kim e moon coree

La storica stretta di mano tra i due leader di Corea del Nord e Corea del Sud

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Corea del Nord, Corea del Sud, Guerra e Terrorismo and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to In Corea si fa la storia: Kim Jong-un varca il 38° parallelo per entrare in territorio sudcoreano

  1. Chissà che marea di cose ci sono dietro questo repentino cambiamento di rotta… Chissà cos’avrà ottenuto Kim in cambio di questa passeggiata mano nella mano con Moon…

    • danilocdea says:

      Probabile che abbia ottenuto uan decina di navi piene di riso e cereali. Ma meglio pagare il pizzo a Kim che rischiare di beccarsi un missile nucleare.

  2. Spero che sia una svolta autentica..

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento