L’acqua di rubinetto è buona e sicura, meglio di quella imbottigliata

Acqua potabile, buona e sicura, ma gli italiani comprano “minerale”

Il consumo delle bottiglie nuoce all’ambiente e al portafoglio
di FEDERICA FORTE


ROMA – Non gode della fiducia degli italiani, ma sulla qualità dell’acqua di rubinetto non c’è dubbio: è sicura, limpida, batteriologicamente pura, buona per la salute e accettabile al gusto. Perfetta? Ancora no, ma si può migliorare. Lo sostiene un’indagine di Altroconsumo, associazione di consumatori che periodicamente verifica lo stato di salute dell’acqua potabile sul territorio nazionale.

Un quadro confortante, con due sole eccezioni negative – Genova e Catanzaro – tra le 35 città nelle quali sono stati prelevati e poi analizzati 43 campioni di acqua, provenienti dalle fontanelle pubbliche (della cui qualità sono direttamente responsabili gli acquedotti) nelle piazze della penisola, da Nord a Sud. L’acqua migliore, quella più cristallina, è negli acquedotti di Cagliari, L’Aquila, Pavia, Bergamo; buone anche le prove di Roma e Milano, che fa passi avanti. Tutti i campioni, comunque, dovevano rientrare nelle soglie di valore fissate dalla legge per limitare la concentrazione di sostanze indesiderate come metalli, solventi (spesso di origine industriale, molto frequenti nelle falde italiane) e inquinanti, come i trattamenti di disinfestazione.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Salute, Ambiente e Ecologia. Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento