Voci dall’Inferno di Gaza

Con questo post intendo continuare a riportare alcune voci e dichiarazioni attinenti alla disumana guerra in corso a Gaza, come iniziato in un post precedente.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Stavamo dormendo e sono arrivate le bombe. Sono riuscita a proteggere i miei figli ma qui i bambini sono terrorizzati. Ci sono i morti e distruzione. Abbiamo anche paura di scappare. Gente del mondo, dove siete?
Testimonianze da Gaza raccolte dall’Unicef

Il numero di morti è insopportabile
Ban Ki-Moon, segretario generale dell’Onu

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite è cinica e piena d’odio contro Israele
Gabriela Shalev, ambasciatrice israeliana all’ONU

“Sin dal primo giorno della mia presidenza, impegneremo le persone piu’ preparate per il processo di pace in Medio Oriente”
Barak Obama, Presidente Statunitense eletto

«Il suo sangue non sarà versato invano. La risposta ci sarà non con le parole ma con i fatti»
Annuncio dell’ala militare di Hamas, le Brigate Ezzedin al-Qassam, in un comunicato in cui minaccia di vendicare la morte di Said Siam, ministro palestinese e membro di Hamas ucciso nella sua casa di Gaza insieme col figlio e il fratello

«L’esercito israeliano sapeva benissimo qual era il nostro edificio ma del resto tocca anche a noi vivere ciò che sta vivendo da venti giorni la popolazione civile di Gaza».
John Ging, direttore dell’Unrwa, in collegamento telefonico con il Tg3 Rai spiega che a colpire il “compound” sono state anche bombe al fosforo e che sono andate distrutte tonnellate di medicine.

“Sono indignato. Ho espresso la mia dura protesta e la mia indignazione e ho chiesto una piena spiegazione al ministro degli Esteri e al ministro della Difesa”
Ban Ki-Moon, segretario generale dell’Onu, in visita in Israele, dopo l’attacco al quartier generale di Gaza City dell’Unrwa.

“Santoro, sei filo-palestinese
Lucia Annunziata, giornalista

“I nostri soldati conoscono ogni vicolo in cui si trovano i loro obiettivi. Per un anno e mezzo si sono addestrati su un modello su scala ridotto di Gaza costruito nella base di Tsehilim”
Generale Avi Benayahou, portavoce dell’esercito israeliano, in diretta TV

E’ tutto bloccato, nessuno esce più di qui, nessuno può raggiungerci con scorte e rifornimenti. E’ un crimine contro l’umanità, gli israeliani stanno tentando di farlo passare come un atto di eroismo da parte di Israele. Ma non è con la guerra che prepariamo la pace. Non è attraverso la distruzione che costruiremo il nostro Paese”.

Padre Musallam, parroco della Sacra Famiglia di Gaza City

“Tre bombe al fosforo bianco hanno raggiunto l’edificio e il deposito è andato in fiamme. Tre persone sono rimaste ferite fra il personale. Ancora una volta il lavoro del personale umanitario è sotto tiro. Le fiamme continuano ad alimentarsi perché non si può estinguere il fuoco generato dal fosforo bianco con normali estintori. Ci vuole la sabbia e non ce l’abbiamo, le autorità israeliane hanno espresso il loro rincrescimento, ma questo non è abbastanza. La situazione è particolarmente grave perché non abbiamo nessun posto dove poterci rifugiare, né possiamo evacuare l’edificio”
Chris Gunness, portavoce dell’Unrwa, commentando il bombardamento dell’edificio della sede Onu a Gaza per i rifugiati (UNRWA)

Oltre mille morti e 5.200 feriti dall’inizio dell’attacco a Gaza. Siamo stati bombardati. Hanno colpito la struttura principale, e due edifici che ospitano gli uffici dell’amministrazione. Cinque piani sono andati a fuoco e sono andati completamente distrutti. Per quanto riguarda l’ospdeale, due piani sono bruciati.
E’ stato un tank, abbiamo ritrovato il proiettile al secondo piano. Per quanto riguarda l’altra struttura, è stata colpita da una bomba al fosforo che ha bruciato tutto. Anche il deposito dei medicinali e delle attrezzature varie è andato perduto.
Abbiamo dovuto amputare molti pazienti. Arrivavano con ferite che continuavano a bruciare su tutto il corpo, oltre a traumi multipli. Certo, le bombe sono quelle al fosforo bianco. Ieri pomeriggio, mentre cercavamo di spegnere gli incendi all’ospedale, dopo un po’ questi piccoli… grumi, chiamati appunto fosforo bianco, una volta spenti, ricominciavano a bruciare. Le avete viste, in televisione, no? Le esplosioni dagli elicotteri che rilasciano queste cose fiammeggianti con una scia di fumo…
Dottor Walid Ramadan
, direttore sanitario dell’ospedale al Quds di Gaza

“Israele si deve ritirare”
Mubarak, presidente dell’Egitto

“Pieno sostegno al piano egiziano”
Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio italiano

“Non accetteremo mai osservatori stranieri”
Mubarak, presidente dell’Egitto

“A Gaza 1203 morti palestinesi, tra cui 410 bambini”
Aljazeera.net

“Israele è molto vicino ai suoi obiettivi”
Ehud Barak, ex Primo Ministro di Israele, Partito Laburista

  1. MIDEAST-ISRAEL-GAZA-CONFLICT-UN
  1. MIDEAST-ISRAEL-GAZA-CONFLICT-UN

MIDEAST-ISRAEL-GAZA-CONFLICT-UN

MIDEAST-ISRAEL-GAZA-CONFLICT-UN

Foto della scuola di Beit Lahia (nord di Gaza), gestita dall’ONU, bombardata dall’esercito israeliano il 17 gennaio 2009.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Guerra e Terrorismo, Israele, Palestina and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento