Gli scandali di Berlusconi e la tragedia dell’Italia

b stampa estera

“Lo scandalo di Berlusconi, la tragedia dell’Italia“. E’ il titolo di un interessante articolo pubblicato su Australia.to. Il giornalista Geoff Andrews afferma senza mezzi termini che Berlusconiha corroso così tanto la vita pubblica dell’Italia che nemmeno le sue dimissioni comporterebbero un chiaro rinnovamento del Paese”.

Nel suo articolo Andrews coglie con precisione anche la natura del Berlusconismo: Berlusconi, il politico populista di maggior successo dei tempi moderni, esercita da lungo tempo l’arte del fascino, scavalcando politici di professione e mirando dritto alla “pancia” piuttosto che al “cervello” dell’italiano medio.”

L’abilità di Berlusconi nel controllare i media e nel volgere anche le critiche a proprio vantaggio sono state due risorse inestimabili.”

Andrews si chiede poi se i recenti scandali sessuali possano portare alla fine di questo “modello di dominio”. Ma la risposta non arriva, perchè “il destino di Silvio Berlusconi sembra già diventato un fattore secondario. […] Piuttosto, la crisi di Berlusconi è diventata la tipica tragedia dell’Italia moderna.

Perché il giornalista collega la crisi politica-personale di Berlusconi all’Italia? Perché “ciò che gli eventi recenti rivelano con forza è come i valori di Silvio Berlusconi si siano radicati nella vita pubblica italiana.“ C’è stata, insomma, una berlusconizzaizone dell’Italia. 

b italia a puttane

Il tono sprezzante con cui Berlusconi ha risposto alle affermazioni avanzate da diverse donne – di essere state pagate per fare sesso, oppure di aver ricevuto offerte di lavoro nella sua emittente televisiva o candidature nel suo partito – rivela una mancanza di trasparenza nel sistema politico italiano e minaccia al contempo la libertà di stampa in un modo che sarebbe inaccettabile in qualsiasi altra democrazia occidentale. Berlusconi ha ignorato queste affermazioni per diverse settimane, rifiutandosi di rispondere alle domande che gli sono state poste (comprese quelle di Open Democracy – cfr. “Silvio Berlusconi, altre dieci domande[5 giugno 2009] e “Silvio Berlusconi, rispondere prego[9 giugno 2009]).

È tipico del Presidente del Consiglio ignorare i canali tradizionali della responsabilità democratica e rivolgersi a una rivista di gossip [di sua proprietà], ‘Chi’, dimostra, la sua onnipotenza personale. Per quanto tempo ancora la decrepita cultura politica italiana e la sua classe dirigente corrotta potranno continuare ad affondare? Il comportamento del Premier suggerisce come in Italia la politica sia stata rimpiazzata da uno sfoggio di onnipotenza personale. “

L’articolo parla poi del G8 di L’Aquila, affermando che Berlusconi sta “danneggiando la reputazione dell’Italia”. Andrews riporta anche le aspre critiche della Chiesa Cattolica: “(l’Arcivescovo Angelo Bagnasco di Genova ha condannato apertamente “quegli uomini ubriachi di un delirio di grandezza…”).

Infine, Andrews riporta l’assurdità degli attacchi di Berlusconi e dei suoi dipendenti alla stampa italiana e straniera: “Bondi, ha definito La Repubblica una “minaccia per la democrazia” – un’affermazione incredibile per descrivere il normale ruolo di un quotidiano in una società libera.”

Infine, uno sguardo al futuro. Il dopo-Berlusconi appare incerto:Berlusconi non rassegnerà facimente le dimissioni. Se dovesse lasciare il potere volontariamente o come risultato di pressioni, perderebbe l’immunità parlamentare e potrebbe essere inquisito. Non c’è un chiaro successore all’interno del suo partito che possa vantare un ampio consenso. Tuttavia, l’opposizione rimane molto debole. Non ci sono prospettive di una necessaria riforma al sistema costituzionale italiano e, finora, non c’è segno di un’ondata popolare per il cambiamento.

Attualmente l’unico beneficiario politico dei problemi di Berlusconi è stata la xenofoba Lega Nord, che ha ottenuto un buon risultato alle elezioni per il Parlamento europeo del 6 e 7 giugno. La Lega può sempre rivelarsi un alleato di governo scomodo, come nel dicembre del ‘94, quando fece cadere il b stampa mondiale noemiprimo governo Berlusconi. La fine del regno di Silvio Berlusconi, premesso che stia per arrivare, potrebbe essere sempre lunga e dolorosa e potrebbe lasciare desolate le prospettive di lungo termine dell’Italia. Una vera e propria tragedia.

Berlusconi e Italia, una vera tragedia.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

Latest posts by Alessio Fratticcioli (see all)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento