Donne e Politica in Thailandia: il Super-Magnaccia che Lotta Contro la Corruzione

“La politica nemmeno mi piace. Quello che mi piace è essere in una vasca idromassaggio, con un brandy, un sigaro e delle belle ragazze.”

Bangkok – Chuwit Kamolvisit e’ decisamente un uomo sopra le righe. Padre cinese e madre thailandese, ricchissimo e senza peli sulla lingua, convertitosi al cristianesimo in un paese fieramente buddhista, e’ anche l’unico candidato alle elezioni della Thailandia ad aver detto in anticipo di voler stare all’opposizione. Inoltre, preferisce essere etichettato come un magnaccia piuttosto che come un politico.

Chuwit un magnaccia lo e’ stato per davvero: fino a pochi anni fa era il padrone della catena di “saloni di massaggi” più famosa di Bangkok. (In Thailandia i “saloni di massaggi” sono spesso delle coperture per i bordelli.) Poi, una volta arrestato, ha rivelato pubblicamente di aver pagato circa 150.000 euro al mese alla polizia. Con tanto di nomi dei capi della polizia coinvolti.

Pochi mesi fa Chuwit ha fondato un partito personale che si chiama Rak Prathet Thai (Ama la Thailandia), lo ha presentato come una lista contro la corruzione e ha tappezzato il paese di buffissimi manifesti elettorali (si vedano foto sotto) in cui appare con facce sorridenti o adirate, abbracciando una bambina o stringendo la zampa a un cane. In un manifesto si legge: ” i politici sono come i pannolini, piu li cambi e meglio e’ “. In un altro, in cui Chuwit tiene in mano un volante: “quante volte ancora perderai la retta via“?

Chuwit era già entrato in politica nel 2003, dopo aver passato un mese in galera e aver denunciato i poliziotti da lui corrotti. Dopo quell’esperienza, Chuwit decise di vendere il suo impero del sesso per passare al business degli hotel di lusso. Negli anni successivi si candido’ due volte alla poltrona di sindaco della capitale, ma senza successo. Nel 2008, durante la sua seconda campagna elettorale, l’imprenditore prese a pugni un giornalista. Oggi dice di voler entrare in parlamento per fare il tribuno del popolo, per controllare tutti quei politici che secondo lui non si comportano meglio dei mafiosetti di provincia. I sondaggi gli sorridono: Chuwit potrebbe farcela a conquistare un posto da deputato. Evidentemente, una parte dei thailandesi apprezza la sua loquacità e i suoi dissacratori attacchi alla casta.

Mi chiamano magnaccia, ma non mi offendo,” ha detto Chuwit. “Anzi, un magnaccia e’ meglio di un politico. I magnaccia almeno rendono felice la gente, mentre i politici rubano solamente“. E ha aggiunto: “anche se sono stato un magnaccia, posso fare qualcosa di buono per il mio paese“.


Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia, Thailandia Elezioni 2011 and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento