Thailandia, l’eredità dei carri armati

Bangkok icolpo di stato 19 settembre 2006

Carri armati a Bangkok durante il colpo di stato del 19 settembre 2006

Il 19 settembre del 2006 fa il governo della Thailandia, eletto democraticamente dal 60,7% dell’elettorato, fu deposto da un colpo di stato militare. In quel martedì di 5 anni fa, i carri armati per le strade di Bangkok pretendevano di schiacciare la volontà popolare espressa da 16 milioni di cittadini, soprattutto lavoratori della capitale e masse rurali del nord del paese.

Il regime militare sciolse governo e parlamento, abolì la “Costituzione del Popolo” del 1997 e cerco’ di sradicare la cultura democratica thailandese con la paura, la propaganda, la censura, la violenza, l’imprigionamento di deputati e leader politici  e le intimidazioni ai semplici simpatizzanti.

Ma si trattava di un tentativo antistorico e perciò destinato al fallimento: non si può rovesciare un processo decennale di democratizzazione quando le masse sono oramai consce dei loro numeri e sono disposte a lottare e sacrificarsi per i propri diritti.

Come scrive il Prof. Andrew Walker, a 5 anni di distanza, gli unici due risultati del colpo di stato sono che (1) Thaksin Shinawatra è oggi più forte che nel 2006; e (2) l’autorità della Corona è ridotta. “Non proprio ottimi risultati per i golpisti”, scrive Walker, “ma forse non abbastanza negativi per impedire loro di riprovarci”.

Un terzo punto, a mio modesto avviso, è che Thaksin, nonostante sia paradossalmente più forte che nel 2006, oggi sa però che esiste un altro blocco di potere, che va da qualche caserma dell’esercito a qualche stanza del Palazzo Reale, che non è meno forte di lui. Ergo, Thaksin oggi è cambiato, è meno arrogante e più maturo, e soprattutto è meno ambizioso e più disposto a fare compromessi. Compreso quello più duro da digerire: restare in esilio all’estero. Ma fino a quando?

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Storia, Thailandia, Thailandia Politica and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento