Thailandia, 20 anni di galera per 4 SMS

Ampon Tangnoppakul, il nonnino condannato a 20 anni di galera per aver spedito 4 SMS, abbraccia i nipotini in lacrime dopo la sentenza è prima di essere portato in carcere. Bangkok, Thailandia

Ampon Tangnoppakuln, 61 anni, è stato condannato a 20 anni di carcere con l’accusa di aver spedito 4 sms contenenti insulti contro la monarchia. Il condannato, un pensionato di origini cinesi ammalato di cancro, si è dichiarato innocente.

Secondo la difesa Ampon parla e scrive il thailandese a malapena e non sarebbe nemmeno capace di mandare messaggi col telefonino e in quel periodo aveva lasciato il suo cellulare in un negozio per farlo riparare.

Come sempre, le frasi incriminate non sono state rese pubblicche “per non riprodurre lo stesso reato.”

Secondo le associazioni per i diritti umani, in Thailandia nel solo 2010 quasi 500 persone sono state accusate di lesa maestà. E’ una caccia alle streghe che dietro al pretesto di proteggere re Bhumibol Adulyadej ha di fatto generato un regime liberticida in difesa dello stato nello stato, vale a dire il complesso monarchico-militare che detiene il vero potere politico ed economico, nonché l’egemonia culturale, sulla nazione thailandese.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Diritti Umani, Thailandia, Thailandia Politica and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento