Il primo sermone del Buddha

thailandia bangkok Wat Pho statua buddha

Il Buddha del Tempio di Wat Pho, Bangkok, Thailandia. Foto Alessio Fratticcioli.

Cosa dice Buddha nel primo sermone pubblico al Parco dei Cervi di Benares nel 528 A.C.

(Asiablog.it) — L’Asalha Puja, nota in Thailandia come Wan Asanha Bucha (วันอาสาฬหบูชา) e’ una festa buddhista theravāda che si tiene di solito tra il 15 e il 22 luglio, corrispondente al quindicesimo giorno di luna crescente dell’ottavo mese del calendario lunare.

In questo giorno, detto anche giorno del Dhamma, si commemora il primo discorso o sermone pubblico del Buddha, tenuto nel Parco dei Cervi (o delle Gazzelle) di Isipathana (Sarnath), presso Varanasi (Benares), in India.

Con il primo sermone, di fronte a cinque asceti, Buddha enuncia i fondamenti filosofici del suo pensiero – le quattro nobili verità e il nobile ottuplice sentiero – fondando così l’ordine monastico (Sangha), e dando vita al Buddhismo, una grande “eresia del Brahmanesimo”. Siamo, secondo la tradizione, nel 528 A.C.. Buddha aveva 35 anni.

Le Quattro Nobili Verità: 

1. gli esseri umani soffrono: la realtà dell’esistenza personale e del mondo esteriore è dolore, consistente nell’invarianza delle sue condizioni: nascita, malattia, morte, mancanza di ciò che si desidera, unione con ciò che dispiace, separazione da ciò che si ama.

2. la sofferenza nasce dalla ricerca di ciò che è transitorio: desiderio di esistere, il bisogno del piacere e anche il suo rifiuto.

3. Per sconfiggere il dolore bisogna abbandonare l’attaccamento alle cose, alle persone, e ai valori ingannevoli: il desiderio va eliminato.

4. Esiste un percorso da seguire per emanciparsi dal dolore: il nobile ottuplice sentiero.

Il Nobile Ottuplice Pensiero:

1. Retta Visione: contemplazione della realtà com’è, senza inquinarla coi propri pregiudizi, complessi inconsci, abitudini inveterate, ripugnanze innate, limitazioni caratteriali, ecc.

2. Retta Intenzione: possibile solo con un esercizio ininterrotto del controllo della propria rappresentazione concettuale.

3. Retta Parola: cioè sua perfetta corrispondenza, senza enfasi né sciatteria, con l’oggetto enunciato.

4. Retta Azione: agire esattamente quando e quanto sia necessario.

5. Retta Sussistenza: saper mediare fra le necessità della vita materiale e i fini spirituali che ognuno si propone di conseguire.

6. Retto Sforzo: saper adeguare esattamente ogni iniziativa all’importanza dello scopo da conseguire.

7. Retta Presenza Morale: costante ricordo di quanto si fa, si pensa e si sente, in modo da essere continuamente presente a se stesso;

8. Retta Concentrazione: non lasciare che la mente sosti in stati d’animo depressi o esaltati.

Questo era, ed è, in estrema sintesi, il Buddhismo, una nobile tradizione filosofica (che spesso, fattasi religione organizzata, si è macchiata dei peggiori vizi e crimini di cui sono capaci gli uomini).

.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Fotografia, Religione e Laicità, Thailandia, Thailandia Religione and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento