Il Giorno della musica

Danseuse, Marc Chagall (1945)

«Raccontano quelli che hanno buona memoria che, in altri tempi, il sole era il padrone della musica finché il vento gliela rubò.
Da allora, per consolare il sole, gli uccelli gli offrono concerti all’inizio e alla fine di ogni giorno.
Ma i cantori alati non possono competere con i ruggiti e gli strepiti dei motori che governano le grandi città. Oramai si sente poco o niente il canto degli uccelli. Invano si rompono il petto volendo farsi sentire, e lo sforzo per suonare sempre più acuti rovina i loro trilli.
E le femmine non riconoscono più i loro maschi. Loro le chiamano, tenori virtuosi, baritoni irresistibili, ma nel putiferio urbano non si distingue che è  chi, e loro finiscono per accettare il riparo di ali aliene.»
(I figli dei giorni – Eduardo Galeano)

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Libri, Poesia and tagged , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento