La Papuasia e le sue storie

Fenina Ilit di Lolat si ripara dalla pioggia sotto un ombrello tradizionale. (Novembre 2014 / Michael Bachelard.)

Fenina Ilit, di Lolat, si ripara dalla pioggia sotto un ombrello tradizionale, Papua Nuova Guinea, Novembre 2014. Foto Michael Bachelard

Tanti anni fa, quando nel linguaggio famigliare certe espressioni erano considerate riprovevoli, dalle mie parti, per “mandare qualcuno a quel paese” gli si diceva: “Mó vai in Papuasia!

E ancora, se qualcuno non era a conoscenza di ‘qualcosa’ di cui si stava chiacchierando, con tono meravigliato gli si chiedeva: “Mó come non lo sai, mó cosa vieni dalla Papuasia?

Papuasia, una terra lontana, ed è l’ora di ascoltare qualcuna delle sue storie.

 West Papua - Abitanti degli altopiani di Lolat. (Novembre 2014 / Michael Bachelard)

Abitanti degli altopiani di Lolat, Papua Occidentale, Novembre 2014. Foto Michael Bachelard

Papua, le storie che non abbiamo mai ascoltato (introduzione)
di Michael Bachelard

«Grazie ad una storia brutale, un governo indonesiano che limita l’accesso ai giornalisti, ed un gruppo di zeloti impegnati in Australia e Nuova Zelanda, la maggior parte delle persone non conosce le vicende delle province indonesiane di Papua e West Papua.

La storia di un “genocidio dall’andamento lento”; per l’avidità dei minatori stranieri ed un’occupazione militare indonesiana senza controllo o responsabilità.

La storia di un popolo fiero, alla disperata ricerca di libertà da uno stato repressivo ed estrattivo.

Quando questa storia viene raccontata in Australia, ricorda alla gente della lunga lotta della popolazione di Timor -Leste. In Indonesia, la somiglianza tra le due, avvelena il rapporto con l’Australia. Incoraggiando la falsa visione dell’elite indonesiana che accredita all’Australia un piano segreto per adottare anche questa loro lontana provincia.

Ma è una mezza storia.

La vera storia è molto più complessa. Come corrispondente di Fairfax Media, ho voluto vedere di persona. Ho fatto due viaggi in Papua, sia negli altopiani che nelle pianure. Per arrivarci, legalmente, il governo indonesiano mi ha fatto attraversare una procedura di richiesta che, passando anche l’ortografia delle cose che volevo scrivere, arrivava all’elenco preciso di chi volevo incontrare. La mia domanda è stata approvata dai leader civili e militari. Entrambe le volte mi è stata concessa l’autorizzazione. Entrambe le volte mi sono allontanato dalle restrizioni imposte dal governo per poter acquisire un quadro più completo.

Quello che ho trovato in Papua era dolore per l’espropriazione e rabbia per la repressiva occupazione coloniale indonesiana. Ho trovato un movimento indipendentista alimentato da una forte convinzione delle differenze religiose e culturali.

Ma ho trovato anche persone comuni malate, impoverite e frustrate dalla disfunzione del settore pubblico, che è in gran parte in mano ad un’élite etnica papua, e la corruzione.

E ho trovato la paura, non solo dell’Indonesia, ma la paura che uno stato di Papua indipendente, che tutti dicono con fervore di volere, possa cadere nel tribalismo e nel caos. Pochi affermano che sarebbe meglio restare parte dell’Indonesia, ma, in buon numero,  parafrasando l’infame richiesta di sant’Agostino, dicono: “Vi preghiamo di concederci l’indipendenza dall’Indonesia, ma non ancora”.» (Libera traduzione di Michael Bachelard, Stories we never hear from Papua, The Interpreter, 17 giugno 2015)

E qui trovate le storie raccolte da Michael Bachelard:

Fonte testo ed immagini: Lowy Institute – The Interpreter

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Indonesia, Libri, Papua Nuova Guinea and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento