Cosa sono le Unioni Civili

Manifestazione a favore delle Unioni Civili

Manifestazione a favore delle Unioni Civili

Si vuole colmare un vuoto normativo e riconoscere diritti e doveri alle coppie di fatto che vogliono registrare la loro convivenza

(Asiablog.it) — Il disegno di legge (ddl) sulle Unioni Civili intende disciplinare i rapporti di convivenza delle coppie di fatto (due persone che convivono senza essere sposate), sia tra persone di sesso diverso che tra persone dello stesso sesso.

Se il ddl sarà approvato, le coppie che decideranno di iscriversi al registro delle Unioni Civili saranno soggette a conseguenze legali simili a quelle del matrimonio, sia per quanto riguarda i doveri (fedeltà, assistenza morale e materiale, coabitazione, contribuzione ai bisogni comuni, ecc.) che i diritti (eredità, pensione di reversibilità, successione nel contratto d’affitto, adozione dei figli naturali del proprio partner, e via dicendo). 

Le Unioni Civili sono un riconoscimento minimo e dovuto, da parte di una società e uno stato civile, a dei cittadini che, secondo l’Articolo 2 della Costituzione, possiedono diritti inviolabili sia come singoli sia nelle formazioni sociali ove si svolge la loro personalità.

Le Unioni Civili sono un riconoscimento minimo e dovuto a persone che potrebbero sviluppare pienamente le loro potenzialità se potessero condurre una normale, anche giuridicamente, vita di coppia con il loro partner.

Le Unioni Civili sono un riconoscimento minimo e dovuto a delle persone che storicamente sono state derise, discriminate, picchiate, imprigionate, castrate, deportate, torturate, bruciate, gasate. Ammazzate.

Il blogger e giornalista Mario Adinolfi, le “Sentinelle in Piedi”, i simpatizzanti della Lega Nord per l’Indipendenza della Padania, gli attivisti di CasaPound et alia non sono “Pro-Famiglia”, come scritto erroneamente da alcuni giornali.

Loro non sono a favore della famiglia, nonostante quanto vanno dicendo in piazza e online. Loro sono contro la famiglia, in quanto vogliono negare ad alcuni non solo il diritto di formare una famiglia, ma persino il diritto ad avere la propria relazione riconosciuta dalla legge attraverso un ordinamento giuridico che prevede diritti e doveri.

Sicuramente tra chi manifesta al Family Day ci saranno molte brave persone, ma non è questo il punto: c’erano molte brave persone anche tra chi manifestava contro il divorzio o contro i matrimoni tra bianchi e neri.

La speranza è che chi oggi si dichiara contro i diritti degli altri e si attiva per rendere peggiore la vita degli altri possa, nel giro di pochi mesi, anni o decenni, capire l’errore, pentirsi, chiedere scusa, e ringraziare chi ha creato un Paese più civile per tutti. Anche per loro e per i loro figli.

Noi li aspettiamo a braccia aperte.

L'Italia e' l'unico Paese occidentale a non permettere matrimoni tra persone dello stesso sesso (blu) e nemmeno unioni civili (celeste). Il ddl Cirinna' intende colmare questo vuoto legislativo.

L’Italia e’ l’unico Paese occidentale a non permettere matrimoni tra persone dello stesso sesso (blu) e nemmeno unioni civili (celeste). Il ddl Cirinna’ intende colmare questo vuoto legislativo.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Diritti Umani, Italia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento