Cina, autobus sopraelevato in strada a Qinhuangdao [video]

Autobus sopraelevato cina

La “galleria” del TEB, l’autobus sopraelevato in corso di sperimentazione in Cina. 2 agosto 2016. Foto Luo Xiaoguang/Xinhua

E’ già in strada l’autobus sopraelevato inventato per risolvere i problemi della mobilità urbana. Passeremo sotto questo autobus gigante con le nostre auto? 


(Asiablog.it) — In ‪Cina‬ è partita la sperimentazione di questo “autobus gigante” che passa sopra le automobili. Lo chiamano Transit Elevated Bus‬ (TEB) o straddling bus, che in inglese significa letteralmente “autobus a cavalcioni”. Si tratta di un autobus elettrico sopraelevato che si muove su dei binari. Un prototipo sta già circolando a Qinhuangdao, una città di circa tre milioni di abitanti nella provincia dello Hebei, nel nordest della Cina (video sotto).

Cos’è e com’è fatto l’autobus sopraelevato

Le caratteristiche principali dell’autobus sopraelevato sono le seguenti:

  1. È alto circa 4,8 metri, lungo 22 e largo 7,8. Lo spazio che lascia per far passare le auto sotto di sé è di circa 2,1 metri.
  2. Può trasportare 300 persone (altri modelli potranno trasportarne fino a 1.200), tante quante ne trasportano centinaia di automobili e diversi autobus convenzionali.
  3. 60-70 km/h di velocità massima, più che sufficienti in città e sufficienti per coprire anche brevi tratte extraurbane.
  4. Aiuta a decongestionare il traffico in quanto, al contrario degli autobus convenzionali, questo non “occupa” la carreggiata: ci passa sopra.
  5. E’ alimentato con energia elettrica e solare, quest’ultima raccolta e immagazzinata tramite speciali pellicole fotovoltaiche collocate sul tetto. In un anno evita il consumo di 800 tonnellate di gasolio e l’emissione nell’atmosfera di 2500 tonnellate di CO2.
  6. Costa un quinto di una metropolitana perchè non occorre scavare nel sottosuolo.

Autobus sopraelevato: aspetti controversi

Nonostante le promesse e i buoni propositi, l’autobus sopraelevato presenta ancora degli aspetti controversi. Le maggiori critiche riguardano i seguenti punti:

  1. Pericolo di collisione con automobili, ciclisti e pedoni (un problema forse risolvibile con la costruzione di transenne o barriere per isolare le rotaie dal resto della circolazione).
  2. Troppo alto: molte strade in Cina hanno cavalcavia e sovrappassi più bassi dell’altezza di questo autobus sopraelevato (circa 4,8 metri), dunque potrebbero esserci difficoltà nell’individuare percorsi per il TEB. Oppure si tratterà di adeguare i cavalcavia e i sovrappassi.
  3. Galleria troppo bassa: con una “galleria” alta solo 2,1 metri, l’autobus sopraelevato non potrà scavalcare mezzi pesanti e ogni veicolo più alto di un’automobile.
  4. Visibilità: gli autisti nella “galleria” dell’autobus sopraelevato avranno difficoltà nel vedere la segnaletica stradale.

Voi che ne pensate, l’esperimento avrà successo? E potrebbe essere utile anche in Italia?

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Cina, Salute, Ambiente e Ecologia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

6 Responses to Cina, autobus sopraelevato in strada a Qinhuangdao [video]

  1. Non è possibile per un lettore dare un giudizio su un progetto così inusuale.
    Si può apprezzare il risparmio di emissioni ed energetico, alla luce poi dell’inquinamento prodotto dalla Cina, fabbrica del mondo – in questi anni.
    È un evidente sintomo di come le Autorità cinesi, passata la fase dello sviluppo selvaggio e a tutti i costi – ora stiano vedendo di provvedere agli enormi guasti ambientali.
    Il TEB, dunque: chi vivrà, vedrà. Il giudizio finale dovrebbe essere degli esperti, sperando che esperti lo siano.

  2. vikibaum says:

    mi fa paura….ciau

  3. jappo87 says:

    in effetti qui in Cina ha riscosso sia molti commenti positivi che negativi. Non si sa bene come si potrà procedere e c’è già chi dice che è un progetto nato solo ed esclusivamente per far intascare soldi ai governanti di Qinhuangdao. Vedremo fra qualche mese cosa ne sarà di questo progetto. Personalmente ritengo non ne sentiremo parlare mai più ma spero di essere smentito

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento