Thailandia col fiato sospeso: quattro ragazzi salvi, nove ancora nella grotta. Operazione soccorso sospesa per almeno 10 ore

thailandia grotta tham luang


La madre di uno dei ragazzi. Foto LILLIAN SUWANRUMPHA/AFP

I quattro “stanno bene”: si spera di salvare gli altri nove domani, ma la pioggia potrebbe complicare le operazioni

(Asiablog.it) — Quattro dei 13 ragazzi sono stati estratti sani e salvi dalla grotta allagata nella quale erano intrappolati dal 23 giugno. Un elicottero li ha trasportati in un ospedale nella vicina città di Chiang Rai, nel nord della Thailandia.

Ma l’operazione di soccorso, cominciata questa mattina alle 10 (le 5 in Italia), e che ha impiegato un team di decine di sommozzatori thailandesi e stranieri, è stata già sospesa.

Il governatore di Chiang Rai, Narongsak Osatanakorn, responsabile delle operazioni di soccorso, ha annunciato che si era necessario un’interruzione di 10-20 ore per motivi logistici, dopodiché riprenderanno gli sforzi per portare in salvo gli altri nove giovani ancora intrappolati all’interno della grotta.

«Dobbiamo preparare le forniture di ossigeno, consumate quasi tutte in questa prima operazione di salvataggio, e assicurarci che le condizioni rimangano stabili per poter cominciare il salvataggio degli altri ragazzi», ha detto il governatore in conferenza stampa.

Per fare uscire i ragazzi dalla caverna si sta seguendo il metodo ipotizzato nei giorni scorsi:

L’idea è di dotare i ragazzini di piccole maschere «full face», che coprano tutta la faccia — così non dovrebbero tenere il respiratore tra i denti, col pericolo di perderlo — e poi di agganciarli direttamente all’attrezzatura dei sommozzatori, che li accompagnerebbero così all’uscita seguendo il «filo di Arianna», con l’aiuto magari di alcune stazioni di decompressione lungo il percorso, in cui riprendersi tra un passaggio e l’altro.

Il calvario dei 13 giovani, 12 calciatori tra gli 11 e i 16 anni e il loro allenatore di 25, e’ iniziato quando sono entrati nel complesso di grotte di Tham Luang, nel nord della Thailandia, lo scorso 23 giugno. Ma mentre si avventuravano all’interno, le forti piogge hanno allagato diversi tratti di questa popolare meta turistica, rendendo impossibile l’uscita. I ragazzi, che fanno parte della squadra giovanile locale “Mu Pa” (Cinghiale), sono rimasti intrappolati senza cibo per oltre 9 giorni prima di essere raggiunti dai soccorritori.

Sembrava la fine di un incubo, e invece portarli in salvo si è rivelato tutt’altro che semplice. Il tragitto che collega la cavità dove si trovano i ragazzi all’uscita è stato descritto come complicato da attraversare anche per i sub più esperti. Tanto che qualche giorno fa il 38enne Saman Kunan, un ex membro delle squadre speciali della Marina thailandese che stava lavorando come volontario, è deceduto durante una missione per portare dei contenitori di ossigeno ai 13 ragazzi.

Il punto è che ci vogliono circa 6 ore per compiere il tragitto che separa i giovani dall’uscita della grotta. Per mettersi in salvo, serve infatti prima nuotare sott’acqua per qualche ora, quindi compiere un tragitto di circa 2 chilometri a piedi. Ma i ragazzi sono ancora debilitati e traumatizzati a causa dei nove giorni d’inferno passati senza cibo. I primi quattro usciti sono infatti quelli con condizioni di salute migliori, mentre non è ancora chiaro se gli altri ragazzi avranno le forze per affrontare il viaggio.

Inoltre al momento nel nord della Thailandia è in corso un acquazzone che rischia di alzare nuovamente il livello dell’acqua nei cunicoli della grotta, vanificando l’immenso lavoro di drenaggio compiuto dai soccorritori nei giorni scorsi.

La vicenda dei ragazzi sta tenendo la Thailandia con il fiato sospeso da oltre due settimane, ha attirato l’attenzione di tutto il mondo e non ha lasciato indifferenti nemmeno Donald Trump, papa Francesco, Elon Musk e Gianni Infantino, il presidente della Fifa. Una storia che aspetta un lieto fine.

Asiablog [Sito|Facebook|Twitter|G+|Newsletter]

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

Latest posts by Alessio Fratticcioli (see all)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Thailandia col fiato sospeso: quattro ragazzi salvi, nove ancora nella grotta. Operazione soccorso sospesa per almeno 10 ore

  1. estevamweb says:

    Em orações para que as ações sejam em tempo e bem sucedidas…

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento