Il suddito ideale

Hannah Arendt totalitarismo

Hannah Arendt

«Il suddito ideale del regime totalitario non è il nazista convinto o il comunista convinto, ma l’individuo per il quale la distinzione tra realtà e finzione, tra vero e falso, non esiste più» — Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Diritti Umani and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Il suddito ideale

  1. macalder02 says:

    Un argomento molto interessante oggi che merita una conoscenza approfondita della materia in modo da non cadere nelle impressioni del concetto.

  2. Paola says:

    Ci siamo abbastanza dentro direi

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento