Libertà di stampa, rapporto Reporters Senza Frontiere 2020: migliora la situazione in Italia

china-coronavirus-covid-19

Un uomo in bici indossa una mascherina di fronte a uno schermo che mostra un’immagine di propaganda in una strada di Pechino, il 20 aprile 2020. Foto Nicolas Asfouri / AFP

Italia sale dal 43esimo al 41esimo posto nell’indice sulla libertà dei media: Norvegia prima, Corea del Nord ultima

(Asiablog.it) — L’Italia guadagna due posizioni nella classifica mondiale 2020 sulla libertà di stampa stilata da Reporters Sans Frontières (Rsf), passando dal 43esimo al 41esimo posto. Ma «il livello di violenza contro i giornalisti continua a crescere», si legge nel rapporto di Rsf, che cita il caso di Mario De Michele, giornalista campano che lo scorso novembre ha subito un tentato omicidio da parte della Camorra, e «i giornalisti attaccati verbalmente e fisicamente nel corso del loro lavoro da membri dei gruppi neo-fascisti e del Movimento Cinque Stelle (M5S)».

Nel nostro Paese gli attacchi ai giornalisti da parte dei politici sono «meno virulenti» che in passato, «ma il giornalismo rischia di essere minato… dalla possibile riduzione dei sussidi statali per i media». Nel complesso la posizione dell’Italia rimane la peggiore in Europa occidentale, fatta eccezione per la Grecia (65esima).

La libertà di stampa nel mondo

La Norvegia è in testa all’indice sulla libertà di stampa di RSF per il quarto anno consecutivo. La Finlandia ha mantenuto il secondo posto, mentre la Danimarca ha guadagnato due posizioni salendo al terzo posto a spese della Svezia e dei Paesi Bassi, entrambi scivolati di una posizione al quarto e quinto a causa di un “aumento delle molestie informatiche”.

Gli Stati Uniti salgono di tre posizioni, salendo al 45esimo posto, ma non sono più un bastione della libertà di stampa, scrive Rsf. I sentimenti di insofferenza nei confronti del giornalismo, sdoganati dal Presidente in carica Donald Trump, sono ormai generalizzati tra il pubblico, le istituzioni e i governi locali.

La Corea del Nord è scesa all’ultimo posto, dove l’anno scorso si piazzava il Turkmenistan, mentre l’Eritrea, che si trova al 178esimo posto su 180, rimane il Paese africano con il peggior livello di libertà di stampa.

La Malesia, salita al 101esimo posto (+22 posizioni rispetto al 2019), e le Maldive, salite al 79esimo posto (+19), hanno fatto registrare i maggiori miglioramenti rispetto all’indice dell’anno scorso. RSF ha motivato il risultato citando gli “effetti benefici dei cambiamenti di governo” nelle due nazioni asiatiche.

Coronavirus e libertà di stampa

Il rapporto afferma che esiste una “chiara correlazione tra la soppressione della libertà dei media in risposta alla pandemia di nuovo coronavirus e la classifica di un Paese”.

Sia la Cina, al 177esimo posto, che l’Iran, al 173esimo, hanno censurato “estensivamente” le informazioni relative alla crisi sanitaria in corso. In Iraq, al 162esimo posto (-6), le autorità hanno recentemente ritirato per tre mesi la licenza all’agenzia di stampa britannica Reuters, rea di aver pubblicato un articolo in cui si chiedevano i numeri ufficiali riguardo all’epidemia di COVID-19 nel Paese mediorientale.

Il rapporto afferma che esiste una “chiara correlazione tra la soppressione della libertà dei media in risposta alla pandemia di coronavirus e la classifica di un paese”. Il primo ministro dell’Ungheria, Viktor Orban, ha supervisionato una legge che col pretesto della pandemia prevede pene detentive fino a cinque anni per chi diffonde false informazioni: una “misura completamente sproporzionata e coercitiva”, secondo il rapporto. Ciò ha portato il paese dell’Europa Centrale a scendere all’89esimo posto (-2), tra i peggiori in Europa.

Pubblicato da Rsf ogni anno da quasi due decenni, l’indice analizza la libertà di stampa in 180 Paesi e territori in base al “livello di pluralismo, indipendenza dei media, autocensura, quadro giuridico e trasparenza”.

Il rapporto si basa su un questionario inviato alle organizzazioni partner di Rsf e a centinaia di corrispondenti, giornalisti, ricercatori, giuristi e attivisti per i diritti umani in tutto il mondo, supportato da un’analisi qualitativa.

Asiablog.it [Sito|Facebook|Twitter|Instagram]

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Diritti Umani, Media, Comunicazione, Giornalismo and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Libertà di stampa, rapporto Reporters Senza Frontiere 2020: migliora la situazione in Italia

  1. tiziano matteucci says:

    Personalmente ritengo l’accostamento tra camorristi/ neofascisti e 5stelle un’affermazione talmente scomposta da cadere nell’aggressività (verbale) ovvero il medesimo comportamento che si vorrebbe condannare.

    Associare affermazioni e comportamenti sbagliati (ma non di simile valenza penale o morale) non aiuta alla comprensione dei fatti ma solo a mettere in evidenza quella tua parte dogmatica (fideistica) che ritrovo e non amo, nei “talebani di qualsiasi religione” compresi i tifosi di calcio.

    NOTE
    a) il link “tentato omicidio” mi indirizza ad un articolo esterno,
    b) il link ” Movimento Cinque Stelle (M5S)” invece indirizza … alla home di questo blog.
    Forse vedendo l’estrema precisione dell’indicare (esteso e acronimo) il nome del colpevole, rispetto al generico “tentato omicidio” univoco per camorristi e neofascisti, il link in questione ha deciso di auto proporsi per una qualche modifica o correzione.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento