Festa della Repubblica. Festa della Pace

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

La Festa della Repubblica italiana è la principale festa nazionale civile italiana, paragonabile in qualche modo al 4 luglio statunitense o al 14 luglio francese. Dopo decenni di oblio, alla Festa della Repubblica fu ridata nobilta’ nel 2000 dall’allora Presidente della Repubblica Ciampi.

In questa data si ricorda il referendum istituzionale del 2 e 3 giugno 1946, con il quale gli italiani preferirono la Repubblica alla Monarchia dei Savoia (dopo 85 anni di regno), rei, tra le altre cose, di aver appoggiato il regime fascista, di aver tollerato le leggi razziste, e di aver portato, con esso, il paese in Guerra.

La Festa della Repubblica e’ dunque la Festa degli Italiani, di nuovo liberi e in Pace, e della loro Repubblica, nata Pacifica e Democratica.

La Costituzione della Repubblica Italiana, corpo di leggi fondamentali prodotte dalla sovranità del popolo, e’ il nucleo di norme e di valori attorno al quale costruire la società italiana. 

La Costituzione Italiana, all’Articolo 1, afferma che la Repubblica Italiana e’ Democratica e Fondata sul Lavoro. E che la Sovranità appartiene al Popolo.

La Costituzione Italiana inoltre «ripudia la guerra» come il peggiore degli incubi umani.

E’ chiaro perciò che la sfilata delle quattro forze armate italiane, i loro carri armati, i loro caccia bombardieri, i loro fucili e tutte le loro armi non appare necessaria in questa giornata. 

Il 2 Giugno sarebbe preferibile assistere ad una sfilata di popolo, una sfilata di lavoratori.

Gli italiani del passato hanno combattuto per la Pace. Hanno combattuto per non combattere più. Hanno ammazzato chi ammazzava, e lo hanno fatto solo per non dover più ammazzare.

L’emblema della Repubblica Italiana.

Blasonatura: una stella a cinque raggi di bianco, bordata di rosso, accollata agli assi di una ruota di acciaio dentata, tra due rami di olivo e di quercia, legati da un nastro di rosso, con la scritta di bianco in carattere capitale «REPVBBLICA ITALIANA»

Cosa significa? La stella bianca a cinque punte è stata la tradizionale rappresentazione simbolica dell’Italia sin dall’epoca risorgimentale; nell’emblema repubblicano essa è sovrapposta a una ruota dentata d’acciaio, simbolo del lavoro su cui si basa la Repubblica (Articolo 1 della Costituzione) e del progresso. L’insieme è racchiuso da un ramo di quercia, che simboleggia la forza e la dignità del popolo italiano, e da uno di olivo, che rappresenta la volontà di pace della nazione.

Dietro ogni articolo della Costituzione, o giovani, voi dovete vedere giovani come voi che hanno dato la vita perché la libertà e la giustizia potessero essere scritte su questa Carta. (Piero Calamandrei)

La Costituzione deve essere considerata, non come una legge morta, deve essere considerata, ed è, come un programma politico. La Costituzione contiene in sé un programma politico concordato, diventato legge, che è obbligo realizzare. (Piero Calamandrei)

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

Latest posts by Alessio Fratticcioli (see all)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Italia and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento