In Afghanistan siamo in “missione di pace”? Ecco quello che le televisioni non vi dicono…e non vi mostrano

afghanistan soldati uccisi

In Afghanistan non siamo in “missione di pace” ma in missione di “Peace Enforcing”, cioè IMPOSIZIONE della pace. Cioè GUERRA. Ma in televisione non ve lo dicono. All’Informazione vera preferiscono la commovente retorica nazional-militarista dell’eroe morto per la patria

Per caso in questi giorni sono in Italia. Lo spettacolo che mi si para davanti agli occhi è davvero deprimente. Le televisioni (che formano le coscienze di decine di milioni di persone) non fanno che imbonire la gente dando grande risalto ai commenti dei poveri familiari delle vittime (ovviamente straziati dal dolore), a preti, vescovi, politici (colpevoli di essere entrati in guerra al fianco di Bush) che maledicono i “subdoli attentatori”; e poi si parla di “eroi”, “martiri”, “grandi italiani”, utilizzando la parola pace invece della parola guerra, ragazzi invece che soldati, terroristi invece che insorti e così via. E’ una grande commedia napoletana in cui il popolino non deve capire un cazzo. Deve solo commuoversi, strapparsi le vesti, confortarsi nella religione cattolica e stringersi intorno all’esercito, al governo e al capo carismatico. Amen.

A seguire, elenco le informazioni che i padroni delle televisioni non vogliono farvi sapere.

Andrea Nativi (analista militare, direttore della Rivista Italiana Difesa):

“È sempre stata una guerra, basta leggersi il mandato dell’ISAF. Solamente in Italia si continua con questa finzione politica iniziata con i precedenti governi e proseguita con questo, secondo la quale noi siamo a svolgere una missione di pace. Il gen. Bertolini, il nostro numero 1 in Afghanistan ha detto correttamente che si tratta di una missione di “Peace Enforcing” e cioé “imposizione della pace”, che è uno dei modi carini per chiamare la guerra”. (Fonte)

Generale Arpino:

“Siamo in GUERRA. Smettiamola con la retorica”. (fonte)

Gino Strada (Emergency):

“In Afghanistan è vera guerra. Dobbiamo ritirarci subito.” (fonte)

Lucio Caracciolo (esperto di geopolitica, direttore della rivista geopolitica Limes):

“Sì, guerra: la parola che i nostri dirigenti politici e militari hanno sempre scansato. Mancando così al dovere di verità che la democrazia pretende da chi ne esercita le magistrature.” (fonte)

– – – – – – – – –

Attenzione! Qui sotto ci sono foto di bambini afghani morti! Se ne sconsiglia vivamente la visione a chi crede che in Afghanistan non ci sia la guerra!

Attenzione - guerra in corso

01

02

03

04Le Foto sono di Maso Notarianni (Peacereporter)

Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Afghanistan, Asia, Guerra e Terrorismo, Italia, Media, Comunicazione, Giornalismo and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento