Taiwan: piccoli porcellini contro il grande capitale

Il 14 gennaio 2012 i cittadini della “Repubblica di Cina” saranno chiamati a scegliere il nuovo presidente. Quello uscente deve fronteggiare una rivale sostenuta da migliaia di porcellini.

Per la quinta volta nella storia i taiwanesi voteranno democraticamente per scegliere il loro presidente. Nel 2008 vinse Ma Ying-jeou, del Kuomintang (KMT), ma questa volta le cose potrebbero andare in modo differente.

Sabato migliaia di sostenitori del partito di opposizione, il Partito Democratico Progressista (PDP), si sono radunati nella capitale Taipei. I dimostranti hanno donato denaro contenuto in piccoli salvadanai a forma di porcellino per sostenere la campagna elettorale contro il presidente in carica, accusato di aver trascurato i ceti meno abbienti a favore dei grandi capitalisti.

Gli attivisti del PDP usano i salvadanai per la campagna elettorale denominata dei “Tre porcellini”. L’idea e’ quella di unire migliaia di donazioni di giovani, operai, contadini e pensionati per opporsi a quello che definiscono il “grande lupo cattivo”: l’élite capitalistica di Taiwan rappresentata dal presidente Ma.

Alle presidenziali il Partito Democratico Progressista candida la sua leader: la 56enne Tsai Ing-wen. Dopo una laurea in legge alla Cornell University e un dottorato nella London School of Economics, Tsai e’ tornata in patria per lavorare in diverse università e svolgere ruoli governativi. Passata al PDP nel 2004, oggi e’ la prima donna candidata alla poltrona di presidente nella piccola nazione a largo della costa cinese. Tsai chiede agli elettori di “votare per la competenza, la giustizia, la democrazia.”

Alla manifestazione, tenutasi nei pressi del palazzo presidenziale, molti sostenitori hanno lamentato il crescente divario tra ricchi e poveri. “Contiamo sulla forza del porcellini per combattere una società basata sull’ingiustizia che ha ancora le vestigia di un governo autoritario”, ha detto Tsai ai sostenitori che hanno applaudito sollevando i loro porcellini.

Secondo i sondaggi le elezioni del 14 gennaio saranno un testa a testa. Se il presidente uscente gode dell’appoggio della grande industria e della finanza, i progressisti sperano che i piccoli porcellini della gente comune possano dare una marcia in più alla signora Tsai.

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Taiwan and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento