Thailandia, matrimonio con sposa cadavere

Deffy e Anne

Lei muore, lui la sposa

BANGKOK (Asiablog.it) – Un uomo si sposa e pubblica le foto della cerimonia su Facebook. Fino a qui, niente di strano. Ad ogni modo, in pochi giorni le immagini fanno il giro della Rete, dove si guadagnano migliaia di “like”, mentre le televisioni regionali e nazionali non parlano d’altro. Il motivo? L’album si chiama “Nel mondo ancora esiste il Vero Amore” e l’uomo ha sposato un cadavere.

L’insolito evento ha avuto luogo nella provincia di Surin, nella regione dell’Isan, il popoloso nordest della Thailandia. Lo sposo si chiama Chadil “Deffy” Yuenying, ha 29 anni e lavora come produttore televisivo. La sposa-cadavere, anch’essa ventinovenne, si chiama, o meglio chiamava, Sarinya “Anne” Kamsook.

I due si erano conosciuti all’università, erano fidanzati da 10 anni e avevano deciso di sposarsi. Dopo vari rinvii dovuti agli impegni di Deffy, il matrimonio era stato fissato per questa primavera. Ma un destino crudele ha deciso diversamente.

Il 4 gennaio Anne rimane vittima di un incidente automobilistico. Segue la corsa in ospedale dove la ragazza, arrivata in condizioni disperate, trova il reparto di terapia intensiva pieno. L’attesa di diverse ore è fatale: Anne si spegne senza mai riprendere conoscenza.

A questo punto Deffy decide di sposare comunque la sua anima gemella, o almeno il suo corpo inerte, per giurarle – è proprio il caso di dirlo – amore eterno.

Il giovane si rivolge ad un tempio, prepara l’evento, informa i familiari e invita gli amici su Facebook. Ne viene fuori una cerimonia singolare, ma svoltasi secondo tutti i crismi tradizionali, con tanto di monaci buddhisti a celebrare il rito e intonare i salmi.

Lui si presenta in un elegante smoking nero abbinato a un cappello a cilindro e occhiali scuri per nascondere la commozione. Il cadavere della donna, adagiato su un lettino coperto di fiori, è truccato e infilato in un bel vestito da sposa bianco. La testa, che all’ospedale era stata rasata, viene coperta con una parrucca.

Il matrimonio-funerale raggiunge l’apice con l’indispensabile scambio di fedi nuziali tra la mano tremante di Deffy e il rigido anulare di Anne. Alla fine della cerimonia, l’uomo bacia la sposa sulla fronte. L’ultima dolcezza prima di lasciare l’amata al suo riposo eterno.

Inutile dire che la gamma di commenti al matrimonio-funerale è stata estremamente variegata. Da una parte c’è chi parla di eccezionale storia d’amore: il matrimonio era il sogno piu grande di Anne e il suo amato voleva solamente che questo desiderio si avverasse. E’ l’amore che vince persino la morte.

Dall’altra c’è però chi descrive questa storia come una macabra buffonata volta ad attirare l’interesse mediatico e procurare all’eccentrico organizzatore e protagonista un quarto d’ora di celebrità.

Altri ancora preferiscono invece dare un senso alla vicenda attingendo dall’antro più sibillino della cultura di questo paese orientale, argomentando come dietro all’immagine patinata delle brochure turistiche e alla modernità luccicante della sua capitale, la Thailandia sia ancora un paese di spiriti e fantasmi, un luogo incantato dove paranormale e antiche credenze sono considerate realtà ovvie e indisputabili.

Molti occidentali tendono oramai a relegare fantasmi e spiriti nelle sale cinematografiche, ma la stragrande maggioranza dei thailandesi crede nella loro esistenza e una buona parte di loro giura di averne visti alcuni.

Tutte le tradizioni religiose di questo paese asiatico – animismo, brahmanesimo, induismo, confucianesimo, taoismo e buddhismo – confermano l’esistenza degli spiriti.

Questa forte convinzione nell’esistenza di forze sovrannaturali ed energie cosmiche influenza ogni aspetto della vita di questo popolo, dalla religione all’agricoltura, dalle attività commerciali alla letteratura, dalla pubblicità all’architettura.

In particolare, è credenza diffusa che le persone decedute in circostanze traumatiche o tragiche possano rimanere intrappolate tra un piano dell’esistenza e l’altro.

Si crede che questi spiriti possano essere innocui o pericolosi a seconda di come vengono trattati. Vanno perciò rispettati e temuti, nonché placati e propiziati con riti ed offerte.

Non va escluso dunque che Deffy abbia sposato Anne anche per queste ragioni, cioè per non lasciare in giro un’anima in pena, uno spirito inquieto, insoddisfatto e ‘incastrato’ tra due mondi. In altre parole, per mantenere una promessa e “raddrizzare un torto” in modo da permettere all’anima di Anne di trovare la pace. D’altronde Oriente esiste anche una lunga tradizione di “matrimoni fantasma” in cui uno o entrambi gli sposi sono deceduti.

Qualunque siano state le motivazioni dello sposo-vedovo, in questi giorni in centinaia continuano a scrivere messaggi di affetto e condoglianze sulla sua pagina Facebook. Deffy, che nel suo profilo si presenta come “sposato,” ha risposto solo una volta:

“Ai vostri occhi, le nostre vicende possono sembrare una grande storia d’amore. Ma per noi si tratta soprattutto di un errore al quale non possiamo riparare andando indietro nel tempo. Ricordate, la vita è breve. Fate quello che desiderate, e prendetevi cura delle persone che amate.”

[Scritto per China-Files, 27-01-2012]

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia, Thailandia Religione and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento