Il piacere di leggere …

l'aquila bianca

L’aquila bianca di Emilio Salgari – Ed.Sonzogno

In occasione del primo post, all’inizio, ho preso a parlare di  libri senza spiegare i criteri utilizzati ma, d’altra parte, non credo esista un criterio oggettivo per consigliare la lettura di un libro a meno che non si voglia considerare oggettivo  il gusto personale.

Non esistono quindi motivi particolari per questa mia scelta, leggo libri e vorrei, nel mio piccolo, che molte più persone leggessero libri, tutto qui.

sweet salgari

Sweet Salgari di Paolo Bacilieri – Ed. Coconino Press

Il primo libro me lo regalò mio padre e credo che l’unico criterio seguito fosse quello legato ai ricordi della sua infanzia.

L’aquila bianca” di Emilio Salgari,  avevo 7 anni ed a 9 anni,  letti tutti i libri di Salgari (compreso un Corsaro, non ricordo di quale colore, scritto da uno dei figli), ero il massimo esperto esistente di: praterie americane, giungle indocinesi e malesi, Nilo bianco e delta del Gange,  corsari caraibici e pirati malesi.

il giro del mondo in 80 giorni

Le Tour du Monde en 80 jours – Jules Verne- 1a edizione del 1873

Quando mi capitò tra le mani “Il giro del mondo in 80 giorni” rimasi abbastanza deluso, va bene la fretta del viaggio, ma di usi e costumi dell’umanità ne conoscevo più io di Jules Verne.

L’anno scorso ho comprato, per antica passione, “Sweet Salgari” di Paolo Bacilieri  – Ed. Coconino Press -, un  fumetto sulla vita dello scrittore. Che Salgari si inventasse molto di  quel che scriveva l’avevo da tempo scoperto.

Ma nell’inventarsi “cose” non c’è nulla di male se si scrivono racconti, romanzi ed anche poemi e poesie … possono essere sogni ma non sono bugie.

Ma perché  leggere ?

Forse,  per dirla con Calvino,  perché: ”Oltre la superficie della pagina s’entrava in un mondo in cui la vita era più vita che di qua”. Non saprei.

L’unica cosa certa è che mentre scrivevo l’elenco dei libri di autori thailandesi tradotti in italiano mi sono tornati alla mente altri libri di altri autori che o per la similitudine data dal regionalismo dell’opera o per la delicatezza nel descrivere la propria terra, mi ricordavano qualcosa di già letto. Non un confronto ma una correlazione, a volte incidentale, altre volte più aderente al tema ed all’opera.

Nel descrivere brevemente l’opera di Pira Sudham ho ritrovato Juan Rulfo.

la pianura in fiamma

La pianura in fiamme – Juan Rulfo – Ed. Einaudi

Nel racconto intitolato “Un sicario a pagamento” di Pira Sudham,  come nel racconto “La cuesta de las comadres” di Juan Rulfo, la voce narrante spiega i fatti senza dolore o pentimento,  le cose sono andate così e non c’è motivo di pensare potessero andare diversamente.

La terra dei monsoni” di Sudham, inizia così : “Nell’anno del Cavallo, Boonliang Surin diede alla luce il suo sesto figlio. Era un maschio. Poi, appena dopo la nascita di questo figlio, le prime piogge torrenziali cominciarono a ridare vita al villaggio di Napo.

luigi meneghello

Libera nos a malo – Luigi Meneghello – Ed. Rizzoli

 

Così  inizia “Libera nos a malo” di Luigi Meneghello.

S’incomincia con un temporale. Siamo arrivati ieri sera, e ci hanno messi a dormire come sempre nella camera grande, che è poi quella dove sono nato. Coi tuoni e i primi scrosci della pioggia, mi sono sentito di nuovo a casa.”

 

Una nascita ed un ritorno alla casa natale ma sempre la pioggia come segnale di inizio, di purificazione.

E che dire dell’iniziazione giovanile de “La terra dei monsoni” e l’iniziazione narrata da John Fante in “Chiedi alla polvere” o di Andrej Platonov de “Il mare della giovinezza” che, come il Saneh Sangsuk di “Una storia vecchia come la pioggia”, racconta vicende umane che si intrecciano alle stagioni, alle piccole e grandi vicende della terra in cui vivono.

gianni celati

Narratori delle pianura – Gianni celati – Ed. Feltrinelli

Gianni Celati in “Narratori delle pianure” raccoglie storie raccontate nella valle del Po.

Io vorrei costruire una biblioteca di : “Narratori della propria terra”. Narratori che, anche in un solo libro, hanno raccontato con passione della propria terra.

Nello scaffale intanto ho messo: Pira Sudham, Saneh Sangsuk, Juan Rulfo, Gianni Celati, Luigi Meneghello, Andrej Platonov ed ora aggiungo Pedro Juan Gutiérrez e  Gabriel García Márquez, Halldór Laxness e Salman Rushdie ma anche Binyavanga Wainaina e  Phanishwar Nath Renu … voi aiutatemi a metterne altri, io sono qui, come un bambino che “con le dita intreccia un binocolo e scruta l’orizzonte” in attesa dei vostri consigli (corsivo da “Almanacco delle sabbie”  dell’amico Roberto Papetti).

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Libri and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento