Songkran ( สงกรานต์ )

Songkran, il Capodanno Thai, cade annualmente tra il 13 e il 15 aprile.

La celebrazione del Nuovo Anno in Thailandia è nota e rappresentata, ai non thailandesi, come immagine del solo divertimento se non addirittura come unagigantesca battaglia d’acqua.

battaglia d'acqua

Battaglia d’acqua

“In origine era una festa sacra in cui l’acqua benedetta veniva aspersa delicatamente ed amorevolmente sui monaci e sulle persone anziane in segno di rispetto; oggi invece a Bangkok se ne sono impossessati i farang: delinquenti dalle facce rosa, trentenni, quarantenni e persino cinquantenni mai cresciuti si appostano con pistole ad acqua lunghe mezzo metro e schizzano i passanti; quando bevono diventano piuttosto aggressivi, finché si stancano, si lasciano prendere dai sentimenti e si rannicchiano sui marciapiedi con i loro giocattoli di plastica.” (Bangkok uccide – John Burdett)

Un classico esempio di come il sacro, che a suo tempo ha fagocitato una festa pagana, sia stato a sua volta, in parte, fagocitato dal consumismo e dalla modernizzazione.

Ma, se del pagano è  rimasto solo il calcolo astrale, la base della celebrazione è in parte, se non ovunque, sopravvissuta e,  soprattutto nelle zone rurali della Thailandia, resta un patrimonio della cultura tradizionale. In questo periodo molti thailandesi si mettono in viaggio verso la casa natale e proprio fuori dalle grandi metropoli si possono vedere ancora le forme dell’originaria cerimonia rituale che trova origine all’interno della famiglia e della comunità rurale.

Siamo nel quinto mese del calendario lunare e si festeggia l’ingresso del sole nel segno dell’Ariete subito dopo l’equinozio di primavera.

Di certo c’è che il Songkran cade nella stagione secca, il periodo più caldo dell’anno.

songkran in famiglia

Songkran in famiglia

L’abluzione cerimoniale dell’anziano e del Buddha di casa  ha luogo in uno dei tre giorni di festa. Cerimonia tradizionale di base a cui partecipano tutti i componenti la “famiglia”,  il simbolo è l’acqua.

songkran della famiglia

L’abluzione dell’anziana di casa

Versare acqua porta prosperità ed è buon auspicio per l’inizio di un nuovo anno nuovo. L’acqua serve per rinfrescarsi e conserva la memoria e la gratitudine degli antenati defunti.

I famigliari lavano il Buddha e gli anziani di casa. Poi, inizia “la festa dell’acqua”, un caotico tutti bagnano tutti, augurando:  สวัสดี ปี ใหม่ (sawadi phi mai – buon anno nuovo).

songkran famiglia

Acqua per tutti

L’utilizzo di un calendario thailandese (สุริยคติ) – una versione thai del gregoriano – ha di fatto introdotto il classico Capodanno del primo gennaio che, adottando il “sawadi phi mai”, ha  portato all’utilizzo di สุขสันต์ วัน สงกรานต์” ( suk san wan Songkran – felice giorno di Songkran) ma in campagna viene utilizzato prevalentemente il vecchio augurio.

Essendo divenuta principalmente una festa buddista, in una delle tre giornate anche al wat (monastero buddista) viene organizzata la cerimonia delle abluzioni al Buddha, ai monaci ed agli anziani della comunità… senza dimenticare, comunque la “festa”.

songkran al wat

Musica, balli e giochi al Wat

Il wat è ancora oggi l’unico punto di aggregazione della comunità. Qui sin dal mattino si festeggia in modo allegramente profano: musica, balli, giochi e …

songkran al wat

songkran al wat

 

 

 

 

 

 

 

songkran al wat

 

songkran al wat

 

 

 

 

 

songkran al wat

Calcio al bidone

 

 

 

songkran al wat

 

 

 

songkran al wat

 

 

 

 

songkran al wat

 

immancabile: l’acqua.

 

 

sangkran al wat

Solo nel tardo pomeriggio, quando la temperatura si è abbassata, ha luogo la cerimonia religiosa. La gente del villaggio versa delicatamente, sui Buddha, i monaci e gli anziani,  acqua mescolata a profumo ( น้ำอบ – nam ob).

songkran al wat

L’abluzione dei monaci e degli anziani del villaggio

songkran al wat

songkran al wat

songkran al wat

 

 

 

 

 

 

…  Fortuna e prosperità a tutti Voi.

สวัสดี ปี ใหม่ , sawadi phi mai, buon anno nuovo.

songkran al wat

Adesso ti bagno!

(foto tiziano matteucci)

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Fotografia, Thailandia, Thailandia Religione, Thailandia Viaggi and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento