Milano scopre l’Oriente

Foto di Patrizio Pecunia www.flickr.com/pat82

Si è recentemente tenuta a Milano (dal 25 al 28 aprile 2013) la I edizione del Festival dell’Oriente. Il programma ha visto alternarsi, all’interno dello spazio espositivo del Parco delle Esposizioni di Novegro, una moltitudine di stand i più diversi ed una lunga serie di esibizioni quali danze, arti marziali, canti, maghi cinesi e molto altro. Nato come filiazione del tradizionale Festival dell’Oriente di Massa Carrara, che a novembre ha visto la sua III edizione, l’evento milanese ha visto una ricca partecipazione di pubblico interessato a scoprire le bellezze, le usanze ed i cibi asiatici. Tra gli stand più visitati, oltre al ristorante Thai, la Gher mongola allestita dall’associazione milanese Soyombo, l’area dedicata al benessere e la grande tenda riproducente un ambiente arabeggiante con grandi cuscini su cui adagiarsi fumando dal narghilè. Qualche pecca, essendo la prima edizione, ovviamente c’è stata soprattutto nell’organizzazione dedicata agli standisti e forse lo spazio tra le varie realtà espositive era limitato, ma questo non ha fatto che dare alla manifestazione un carattere da mercato asiatico che non stonava del tutto.

I visitatori si sono mostrati interessati, anche se la conoscenza della realtà orientale in Italia è purtroppo ancora limitata, e le domande quasi imbarazzanti di alcune persone non hanno fatto che confermare come a fronte di interesse e buona volontà, i mezzi d’informazione italiani siano del tutto carenti in materia. Ma se molti stand avevano uno spiccato carattere commerciale, forse anche in misura eccessiva, la presenza di molte realtà associative ha mostrato come le basi per una conoscenza reciproca tra Italia ed Asia ci siano, con le prime generazioni di italiani figli di asiatici e la voglia di fare di tanti giovani.

In sostanza un evento che ha gettato le basi, non un punto di arrivo ma un punto di partenza per qualcosa che non può che essere sicuramente positivo, ma anche un evento che fa riflettere su come la strada verso la conoscenza di culture diverse sia lunga e articolata.

About Pietro Acquistapace

La dura scelta tra essere normali ed essere felici, quando a 35 anni lasci un lavoro sicuro e vai in Mongolia con una Panda devi accettare di avere scelto. Pietro dice la sua sul blog Farfalle e Trincee ed e' co-fondatore di TuttoLaos e di TuttoCambogia i 2 portali italiani dedicati a queste nazioni del sud est Asia
This entry was posted in Asia, Europa and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento