T come Thailandia e Tamarindo

tamarindo uno

Albero di tamarindo al Prasat Hin Phanom Rung

Il tamarindo (tamarindus indica), dall’arabo تمر هندي (tamr hindī),dattero dell’India, è un albero tropicale della famiglia delle Fabaceae, originario dell’Africa Orientale. In Thailandia è chiamato มะขาม (makaam).

In Italia oggi è conosciuto soprattutto come sciroppo, ma si possono trovare anche i frutti (io li ho visti: “Product of Thailand”). Le proprietà del frutto del tamarindo erano già note ai tempi della Scuola Medica Salernitana e Pietro Andrea Mattioli (1501-1577) lo definiva utile “per far muovere il corpo”.

tamarindo 2

Frutti del tamarindo

Il tamarindo produce legumi marroni, che contengono polpa e semi duri. I frutti sono lunghi generalmente 10-15 centimetri, leggermente incurvati, e contengono fino a una dozzina di semi.

tamarindo 3

frutti del tamarindo

 

 

 

 

 

Utilizzato anche come pianta ornamentale, ha conquistato uno spazio importante nella cucina e nella medicina tradizionale thailandese.

tamarindo 4

Tamarindo acerbo

Il frutto acerbo, มะขามสด (makaam sot), è usato come base per diversi tipi di salsa piccante, น้ำพริก (nam prik), comunemente tradotto come chili, un componente spesso presente nella cucina thailandese. La preparazione casalinga viene di solito eseguita pestando, d’obbligo il mortaio, i giovani frutti di tamarindo, aglio, peperoncini ed altre spezie.

È anche consumato seccato e salato, seccato e candito, seccato e zuccherato (a sale e zucchero si aggiunge sempre I’ll peperoncino) e come bibita fredda (ghiaccio tritato sempre abbondante).

tamarindo 5

Tamarindo sciroppato

Viene anche lessato e sciroppato, come nella foto. In Thailand il tamarindo sciroppato si chiama มะขามเชื่อม (makaam chuam).

Come se tutti questi utilizzi del frutto – che forse neppure ho indicato completamente – non fossero sufficienti, nella stagione giusta ecco che al mercato si possono comprare anche le giovani foglie di tamarindo, ใบมะขามอ่อน (bai makaam òn). Nella cucina thailandese, vengono utilizzate come una comune verdura nella preparazione di varie pietanze.

tamarindo 6

Giovanifoglie di tamarindo

E se avete anche la necessità  di un nuovo tagliere in legno di tamarindo, เขียงไม้มะขาม (kiaeng mai makkam), un legno molto resistente e compatto, lo trovate sempre al mercato.

tamarindo 7

Taglieri in legno di tamarindo

 

 

 

 

 

 

Warning. Se passeggiando per il mercato vedete dei frutti simili al tamarindo, nella forma ma non nel colore, attenzione: non è  tamarindo ma un suo cugino.

tamarindo di Manila

Tamarindo di Manila

Pithecellobium dulce, chiamato in inglese Manila tamarind, è una pianta da fiore della stessa famiglia del tamarindo e del pisello, le Fabaceae. Questa  pianta  è originaria dell’America Centrale e del Sud America. Poi è stata naturalizzata nella fascia tropicale asiatica. Ma nonostante  il nome non ha nulla a che fare con Manila o con Madras (viene anche chiamato Madras thorn).

In thailandese si chiama มะขามเทศ (makaam thet) e se vi capitasse di trovarlo, assaggiatelo …  è come le ciliege, uno tira l’altro.

That’s All Folks!

(foto tiziano matteucci)

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Thailandia and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento