Una poesia da dietro le sbarre

Campi di riso in Thailandia. Foto Tiziano Matteucci

Oh amico, tutta questa sofferenza
Poteva capitare a te, è capitata a me

Dolente e in difficoltà
Intrappolato,  stranito e senza nulla di certo

Prenditi cura di mia madre
Gravata da una pessima salute

Il mio fratellino è a casa
Vigila su di lui

Sotto casa ci sono le mucche e i bufali
Non cacciarli via, prenditene cura, te ne sarò grato

Il mio ambito motorino  
Usalo a piacimento

Il riso maturo nei campi
Mietilo, mangialo e vendi ciò che resta

La grande fotografia della nonna appesa al muro di casa
Ti pregherei di togliere la polvere che la copre e la nasconde

La scuola dove un tempo studiavo
Fai sapere ai maestri che mi hanno ben nutrito

Vorrei sgusciare via del mio corpo imprigionato
La mia ombra vorrebbe venire a studiare

Dì alla mia amata vicina
Di scrivermi due righe, se ha tempo  

Per fermarsi e farmi visita
Se sparisco, abbi cura di lei

Oh amico, amico mio
Non farti infastidire dalle storie che senti

Umiliato, non posso sopportare di guardarti
Ti prego,  scusami

Ma resta a portata di mano
Non diventare invisibile con un addio

Mandami acqua e riso con pesce
Mangiare per sopportare le sofferenze

Avviliti, attendendo un nuovo cielo
Limpido non screziato

Stringo le sbarre con ansia
Preoccupato che possano minacciarvi

Oh amico, amico mio
Non abbandonarmi nella penombra mentre attendo l’interrogatorio

Penso sempre a te
Le mie lacrime cadono e mi preoccupo per te

(Ti aspetto sempre
My tears fall and I worry about you)

Amico di Patiwat S. –

L’autore di questa poesia e uno studente della Facoltà di Belle Arti e Arti Applicate alla Khon Kaen University, arrestato il 14 agosto 2014 a seguito di denuncia ai sensi dell’articolo 112 del codice penale thailandese che colpisce: “Chiunque, diffama, insulta o minaccia il Re, la Regina, l’erede o il Reggente e viene punito con la reclusione da tre a quindici anni”. Patiwat venne denunciato per il ruolo recitato nella commedia, “The Wolf Bride “( เจ้าสาว หมาป่า  – Chaosao Maapaa), rappresentata nell’ottobre 2013 alla Thammasat University di Bangkok. Patiwat e un’altra persona coinvolta nella recita, Pornthip M.,il 23 febbraio 2015, sono stati condannati a due anni e mezzo di carcere per aver violato la legge di “lesa maestà”.

Questa poesia è stata originariamente pubblicata in lingua thailandese su Prachatai e riproposta, nella traduzione inglese, da Prachatai English  a cui devo tutto il contenuto del post ed a cui vanno i miei ringraziamenti.

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Poesia, Thailandia, Thailandia Politica and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento