Egitto, Morsi condannato a morte

Morsi death sentence

Mohammed Morsi parla alla folla davanti al palazzo presidenziale al Cairo, Egitto. 23 Novembre 2013. Foto Reuters

La parabola dell’ex presidente egiziano Mohammed Morsi, passato in 4 anni dalla galera al trionfo elettorale alla pena capitale. Fu deposto da un colpo di stato militare nel 2013. L’accusa: spionaggio, evasione da un carcere e omicidio di agenti durante la Rivoluzione del 2011. La difesa: sentenza politica

KUALA LUMPUR (Asiablog) –  Mohammed Morsi, primo presidente egiziano eletto in libere elezioni, nel 2012, quando ottenne il 51,73% dei consensi, è stato condannato a morte da un tribunale egiziano con l’accusa di evasione dal carcere di Wadi El-Natroun al Cairo nel gennaio del 2011 insieme ad altri detenuti, omicidio di guardie carcerarie e spionaggio per aver rivelato segreti di stato a palestinesi e iraniani. Il tribunale ha condannato a morte anche per il numero due dei Fratelli Musulmani, Khairat al-Shater, e il segretario generale Mohammed el-Beltagi

Le condanna a morte ora dovranno essere approvate dal Gran Muftì, la più importante autorità religiosa egiziana, che emetterà un verdetto non vincolante prima che il tribunale pronunci la sentenza definitiva il prossimo 2 giugno.

I legali di Morsi hanno fatto appello contro la sentenza, che potrà essere respinta anche se il Gran Muftì dovesse dare la sua approvazione. La difese sostiene che il processo e la condanna siano politicamente motivati.

Morsi, rovesciato da un colpo di stato militare nel luglio del 2013, era già stato condannato a 20 anni di prigione per aver ordinato l’arresto e la tortura di molti manifestanti ostili al suo governo tra il 2012 e il 2013.

La prigione dove Morsi era rinchiuso fu assaltata il 29 gennaio del 2011, durante i primi giorni della rivolta che avrebbe portato alla caduta del regime di Hosni Mubarak.

Da quel carcere insieme a Morsi evasero altri 30 detenuti, mentre oltre 20mila fuggirono da altre prigioni egiziane. Tra gli evasi c’erano decine di leader dei Fratelli Musulmani, l’organizzazione politico-religioso di cui l’ex-presidente faceva parte, come anche alcuni membri del movimento libanese di Hezbollah e dei militanti di Hamas, il gruppo politico-militare palestinese che controlla la Striscia di Gaza.

Dal colpo di stato militare del 2013 ad oggi centinaia di Fratelli Musulmani sono stati processati e in molti casi condannati a lunghi periodi di detenzione, all’ergastolo o alla pena capitale. Il leader del gruppo, Mohamed Badie, è stato condannato a morte nell’aprile del 2014. Fino ad ora, soltanto una condanna a morte è stata eseguita.

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

Latest posts by Alessio Fratticcioli (see all)

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Diritti Umani and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento