Cambogia, Thailandia e migranti

Fila di lavoratori migranti cambogiani, lo scorso anno, al posto di confine tra Thailandia e Cambogia nella città di Poipet. foto KT / Chor Sokunthea

Fila di lavoratori migranti cambogiani, lo scorso anno, al posto di confine tra Thailandia e Cambogia nella città di Poipet. foto KT / Chor Sokunthea

Momenti drammatici per i diritti umani in un mondo che ha ripreso, o vuol riprendere, a chiudere le frontiere, alzare muri …

Migranti ancora espulsi  in massa dalla Thailandia

Quasi 70.000 lavoratori migranti cambogiani sono stati espulsi lo scorso anno dalla Thailandia, attraverso il posto di frontiera di Poipet, una media giornaliera di circa 200, lo ha affermato il capo della polizia del controllo immigrazione di Poipet, Sim Sam Ath, citando i dati di un rapporto annuale ed ha anche precisato che dei 67,087 lavoratori migranti deportati, 21.797 erano donne. Ha anche affermato che i cambogiani che hanno attraversato il confine per il disboscamento illegale, spesso lo ha fatto attraverso corridoi illegali e che quelli catturati sono stati spesso uccisi dalla polizia di frontiera thailandese.

Secondo un rapporto pubblicato la scorsa settimana, sui progressi del governo contro il traffico di esseri umani, 51.318 lavoratori migranti cambogiani, tra cui 4.030 bambini, erano rientrati dalla Thailandia durante i primi 10 mesi dello scorso anno, e 834 di loro sono stati detenuti in Thailandia per più di un mese.
Interrogando i figli dei migranti deportati si scopre che per la maggior parte accompagnato i loro genitori a lavorare in Thailandia, di 646 bambini interrogati, 372 hanno detto che avevano viaggiato in Thailandia con i genitori che lavoravano nei cantieri, mentre 274 sono andati con i parenti per raccogliere manioca.

Un rapporto compilato dall’Ambasciata cambogiana in Thailandia e dalle autorità thailandesi ha rilevato che 213 migranti cambogiani, sia legali che illegali, sono morti in Thailandia lo scorso anno, con un incremento del 65 per cento sul 2014.
Sim Sam Ath afferma che le principali cause di morte per i lavoratori migranti cambogiani in Thailandia sono stati infortuni sul lavoro, incidenti stradali e malattie.

Moeun Tola, direttore esecutivo del Centro di recente formazione per l’Alleanza del lavoro e dei diritti umani, afferma che i cambogiani migrano in Thailandia perché non riescono a trovare lavoro in Cambogia o non possono sopravvivere con i salari nazionali, aggiungendo che questo è un problema che il governo deve affrontare.
Mouen Tola ha anche chiesto un ammodernamento urgente dell’iter di emissione di documenti ai lavoratori migranti al fine di garantire maggior legalità a coloro che vogliono andare in Thailandia.

“Lo Stato deve rivedere la procedura di transizione dallo status dei migranti da illegale a legale il più rapidamente possibile”, ha dichiarato Tola, aggiungendo che le imposte dovrebbero essere ragionevoli. “L’annuncio di fissare un costo di 49 Usd per un passaporto non è allineata con il costo reale”, ha detto, aggiungendo che la lunga attesa necessaria per ottenere un nuovo passaporto è stato anche un deterrente per una migrazione sicura.

Nel 2014, più di 270.000 migranti cambogiani sono stati espulsi dalla Thailandia per la mancanza dei documenti necessari. Il ministero dell’Interno ha riferito che un censimento da parte del governo thailandese nel marzo dello scorso anno ha rilevato che più di 450.000 cambogiani vivevano e lavorano illegalmente in Thailandia.

Fonte testo e immagine: Khmer Times

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Cambogia, Thailandia and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento