L’albero dei ricordi

Mayom Phyllanthus acidus tiziano matteucci

Mayom – Phyllanthus acidus

La prima volta che ho visto un albero di mayom (มะยม) carico di frutti, sono precipitato in un altro posto, in un altro tempo. Quell’albero aveva fatto riemergere il ladruncolo di prugne sepolto nei miei ricordi.

Con i miei amici andavamo spesso, nelle notti di inizio estate, a rubare prugne. Non era certo per fame anzi, tra i derubati c’era anche il nonno di uno della banda, una persona talmente buona che, a nostra richiesta, ci avrebbe volentieri seppellito con prugne regalate. Ma vuoi mettere il brivido silenzioso della notte buia, le luci lontane alle finestre delle case…  

Mayom

Il Phyllanthus acidus, noto in inglese col nome di Otaheite, Malay goosberry (uva spina malese) e Tahitian goosberry (uva spina tahitiana), è un albero comune nelle fasce tropicali e subtropicali ma di origine incerta.

Viene coltivato per scopi alimentari e medicinali ma anche come ornamento.

Il frutto può essere consumato fresco, ha un sapore acidulo simile alle prugne acerbe, ma viene utilizzato prevalentemente elaborato, candito con zucchero o in salamoia di sale.

Frutto del mayom

Stagionalmente, al mercato, si trova sia fresco che candito: i thailandesi lo chiamano มะยมเชื่อม (mayom cheuam, che significa mayom candito).

Venditrice di mayom candito

Fuori stagione, invece, si trova solo candito, in salamoia di sale o in conserve.

In Thailandia è usato anche come ingrediente per fare il Som tam – ส้มตำmeglio conosciuto come papaya saladinsalata di papaya.

Le foglie sono usate per fare un impiastro che cura sciatica, lombaggine e reumatismi, mentre i semi sono usati come catartico e la radice come purgante. Lo sciroppo viene usato per curare lo stomaco.

Mayom candito

Pare che un bel bagno bollente in un infuso di radici di mayom allevi scabbia, varicella e rosolia.

Nonostante il nome comune, la pianta non mi pare assomigli all’uva spina, e questo vale anche per il frutto.

Forse un frutto simile all’uva spina è il cugino del mayom, vale a dire l’uva spina indiananome scientifico Phyllanthus emblica, conosciuto in thailandia come  il makhaam pom (มะขามป้อม).

Via spina indiana, conosciuta in Thailandia come Makhaam pom, Nome scientifico Phyllanthus Emblica

Ma solo in apparenza, in realtà le dimensioni di makhaam pom sono maggiori e poi la consistenza del frutto somiglia a quello delle prugne acerbe.

L’uva spina se non stai attento si spappola nel raccoglierla senza delicatezza, fidatevi … che, in altri tempi ed altri luoghi, ho razziato anche piante di ribes.

(foto tiziano matteucci)

Makhaam pom in vendita al mercato

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Thailandia and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento