Dolce thailandese

Venditore ambulante di rotì – foto tiziano matteucci

Spesso, la sera, si ode un breve scampanellio provenire dalla strada, lei distoglie l’attenzione da quel che sta facendo e mi chiede:
« เอา โรตี ไม่ ».

Che suona così: «Au lotì mai» e si può tradurre con un famigliare: «Lo vuoi un lotì?».

Se la mia risposta è affermativa si precipita in strada per fermare il venditore che sta passando.

Rotì – foto tiziano matteucci

Il lotì non è altro che un sottile impasto di un giusto amalgama di farina, acqua e/o latte, fritto su piastra con burro indiano,  con l’aggiunta di uova sbattute (per i cultori della cucina: una crêpe/s o crespella).

Di solito poi condito con latte condensato e zucchero, le versioni più elaborate sono farcite con frutta o marmellata (1).

La consonante ร เรือ (ro rua) dell’alfabeto thailandese

Nell’alfabeto thailandese la consonante R esiste, nonostante quel che alcuni viaggiatori superficiali affermano. La erre è  un suono palatale la cui corretta articolazione richiede la vibrazione della punta della lingua vicino agli incisivi superiori. Ogni altro tipo di articolazione genera suoni che sono un compromesso con la elle sino ad arrivare ad una elisione.

Tutto questo per dire che sino ad ora ho trascritto โรตี  con lotì (ovvero come generalmente si percepisce ad orecchio) ma trascrizione e pronuncia corrette sono: rotì.

Rotì – foto tiziano matteucci

Ma questo l’ho scoperto, con mia grande sorpresa, solo dopo essermi mangiato parecchi lotì ed aver imparato a leggere un poco di thailandese.
Come ha scritto un amico: «La r non la mette quasi nessuno tranne quando vogliono parlare thai corretto. In tv direbbero: rotì»

 1) il rotì, di origine indiana, trova un utilizzo simile al pane; il rotì venduto per le strade thailandesi è una variante malese/indonesiana (non per nulla la maggioranza dei venditori, se non tutti, sono thailandesi di religione musulmana) ed il suo nome completo sarebbe:โรตีจาไน  – rotì chanai.
Un grazie a Claudio Santini, ottimo conoscitore di lingua thailandese, che con il suo commento, che ho modificato solo nel termine finale, mi ha dato lo spunto per questo post.

 

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Fotografia, Thailandia and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento