La Thailandia e il canistel

Frutto della Pouteria campechiana – foto tiziano matteucci

L’uomo ha sempre guardato il mondo vegetale per la sua varietà, bellezza e, soprattutto, per la sua utilità. Alcune piante, come: il mais, la patata, la manioca, il grano, il riso, … hanno varcato i loro confini naturali passando da un continente all’altro e spesso hanno cambiato in meglio la vita dell’uomo sulla terra.
E, se per i thailandesi è diventato normale vedere un campo di peperoncino o di manioca, noi italiani non ci meravigliamo certo di un campo di pomodori o di riso, oggi giorno la gente difficilmente si rende conto di questo millenario rimescolio globale di semi … ma anche di uomini.

Canistel – foto tiziano matteucci

In questo lungo viaggio molte piante hanno acquisito una nuova identità, la migrazione si è definitivamente trasformata in adozione, l’estraneo che diviene: figlio.

Frutto della pouteria campechiana, albero originario del Messico, noto col nome di canistel ma, nei paesi di lingua spagnola, ha vari altri nomi.

In Thailandia, ufficialmente viene chiamato: ม่อนไข่ (mon khai), ma, comunemente, ha altri nomi.

Dalle mie parti viene chiamato: ละมุดอินเดีย (lamut dell’India) per distinguerlo dal ละมุด (lamut – sapodilla manilkara zapota) – altra pianta originaria del centro America ed appartenente alla stessa famiglia: sapotacee. Ma risponde anche al nome di ละมุดเขมร (lamut khamen – sapodilla cambogiana), ท้อเขมร (tho khamen – pesca cambogiana). Insomma: un’origine indiana e/o cambogiana per un frutto arrivato secoli addietro dal Messico.

Canistel contiene vitamina A e C, ferro, calcio e fosforo e pare sia una buona fonte di antiossidanti.

La dolce polpa del frutto, a differenza della sapodilla, è più asciutta e, se il frutto è immaturo,  allappa maggiormente … mangiatelo solo ben maturo.

Lamut India in vendita al mercato – foto tiziano matteucci

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Fotografia, Thailandia and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento