La Thailandia e il ravanello

Raphanus sativus - wikipedia

Raphanus sativus – wikipedia

Il ravanello (raphanus sativus) credo che tutti lo conoscano.

Ma, a leggere Wikipedia, «La collocazione di questa specie nell’ambito del genere non mette d’accordo tutti i botanici. In effetti ci sono tre proposte diverse per risolvere questo problema:
1) il genere ha una sola specie, quella definita da Linneo: Raphanus raphanistrum; specie che viene suddivisa in diverse forme sub-specifiche come: sativus, typicus, niger, microcarpus e altre. In questo caso la specie Raphanus sativus verrebbe chiamata: Raphanus raphanistrum var. sativus.
2) Per altri botanici il genere ha due sole specie: Raphanus raphanistrum e Raphanus sativus.
3) Il terzo gruppo di botanici (forse quello più numeroso) organizza il genere in una decina di specie, suddividendole poi in due sezioni: Raphanistrum: la siliqua presenta delle evidenti strozzature tra un articolo … e Euraphanus: la siliqua è più compatta (le strozzature tra una articolo e l’altro sono appena rilevabili) … ».

Pak khihut, una specie di ravanello

Pak khihut, una specie di ravanello

Questo per dire che, quando mi sono trovato davanti: ผักขี้หูด (pak khihut) ed ho cercato dei riferimenti in thailandese, sono stato rimandato a raphanus sativus var. caudatus (Linneo) Hook. F. & T. Anderson, ma anche a raphanus sativus silique e raphanus raphanistrum.

Pak khihut

Pak khihut

Quindi, vattelappesca.

Pianta erbacea, non molto comune, che ben poco somiglia ad un ravanello.

Di certo utilizzata per zuppe di verdure o abbinata a pesce, rane, uova, carne di maiale, di bufalo e di manzo.

Ricca di calcio, fosforo, ferro e  vitamina C.
Usata per curare indigestione e flatulenza, pare che aiuti a sciogliere i calcoli renali.

Io, di solito, li mangio lessati assieme ad altre verdure, conditi con olio e sale, ma, nella cucina thailandese, le verdure lesse sono abbinate a salsa piccante.

Verdure lessate

Verdure lessate

Nel piatto, da destra, มะรุม (marum), frutto (baccello) della moringa oleifera con sotto peperoni grigliati, ถั่วฝักยาว (tua fak iao), vigna unguiculata e, ovviamente, ผักขี้หูด (pak khihut) che, dall’aspetto, ben poco ricorda un ravanello, insomma, tutto l’opposto di ผักกาดหัว (pak gathau), non un ravanello ma un ‘ravanellone’.

Daikon

Daikon

ผักกาดหัว (pak gathau) ma anche หัวไชเท้า (hua ciai tau), comunemente chiamato ‘daikon’,  detto anche ravanello bianco, ravanello giapponese, ravanello orientale.
Nome scientifico raphanus sativus var. longipinnatus, è un ravanello bianco gigante originario dell’Asia orientale di cui esistono molte varietà.

Daikon

Daikon

La varietà più comune ha la forma di una grossa carota, di circa 20–35 di lunghezza, e di 5–10 cm di diametro.
Il daikon crudo può essere servito in insalata, grattugiato come guarnizione per piatti di carne, cotto come ingrediente nelle zuppe o negli stufati, oppure marinato in aceto.
Dal sapore dolce, ha un basso contenuto calorico ed un elevato contenuto di vitamina C.

Daikon marinato in aceto

Daikon marinato in aceto

(tutte le fotografie, dove non indicato, sono di Tiziano Matteucci)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Fotografia, Thailandia and tagged , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento