India, si suicida per le vacche

vacca indiana

Vacca e uomo in Rajasthan, India. Foto Roberto Sanchez

India, uomo si toglie la vita per chiedere che la vacca venga dichiarata “Madre della Nazione”

(Asiablog.it) — Giovedì 17 marzo 2016 otto uomini hanno tentato il suicidio ingerendo dei pesticidi durante una protesta contro il consumo di carne di manzo. La manifestazione organizzata dal poco conosciuto Gauraksha Ekta Samiti (Comitato Unito per la Protezione della Vacca) è avvenuta a Rajkot, nel Gujarat, nel nord-ovest dell’India. Secondo i media indiani uno degli uomini è morto mentre gli altri sette sono stati ricoverati in ospedale. Due sarebbero in condizioni critiche. 

La macellazione di vacche e il consumo di carne bovina sono vietati in Gujarat e nella maggioranza dei 29 stati e 7 territori indiani, ma il gruppo di attivisti protesta sostenendo che le mucche vengono ancora uccise illegalmente. Secondo il Comitato la soluzione per fermare questi intollerabili “crimini” anti-bovini sarebbe quella di dichiarare la vacca “Rashtra Mata”, “Madre della Nazione”.

«Vogliamo che il governo renda obbligatorio per tutti considerare la vacca come nostra madre», ha dichiarato Kanaji Chauhan, un rappresentante del Comitato pro-vacche di Rajkot. Sottolineando con apprensione come la popolazione bovina sia in declino nello stato del Gujarat (si è passati da una vacca ogni 4 persone nel 2000 a 1 vacca ogni 7 persone nel 2012), il Comitato chiede anche di obbligare ogni parlamentare e ogni ministro di prendersi cura di almeno una mucca.

Secondo la tradizione induista, religione alla quale appartengono l’80% dei cittadini indiani, la vacca è la Madre Universale in quanto dona il suo latte a tutti, e non solo ai propri vitelli. Se la vacca è sacra, mancarle di rispetto è un sacrilegio, e la rabbia dei fedeli contro i profanatori in alcuni casi estremi sfocia in episodi di vero e proprio fanatismo criminale, con le persone accusate di aver ucciso e/o mangiato una mucca letteralmente linciate dalla folla.

Paradossalmente però, la condizione di un animale molto simile alla vacca, il bufalo d’acqua, è decisamente meno protetta e privilegiata. Mentre la violenza contro le vacche nella maggioranza egli stati indiani è punita con multe e carcere, l’India rimane tra i maggiori produttori al mondo di carne di bufalo.

Mentre la vacca incarna le qualità femminili in modo simile alla figura della Madonna nella religione cattolica, il bufalo incarna le caratteristiche maschili, in primis la forza nel lavoro dei campi. Inoltre nelle scritture sacre induiste il bufalo è il veicolo del Dio della Morte Yama, pregato dai fedeli soprattutto in occasione dei funerali.

Vacche che mangiano l'immondizia

Vacche che mangiano l’immondizia: una scena quotidiana nella citta’ indiane. Foto Alamy

Alessio Fratticcioli

Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
Alessio Fratticcioli

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook, Twitter e Google+). Vive in Asia dal 2006. Sta svolgendo un dottorato di ricerca in comunicazione politica presso la Monash University. Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, India, Religione e Laicità and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento