Dal Cinema Trieste alla multisala del BigC

Cinema Teatro Trieste, appena ultimato – 1928 – Il marinaio è Bruno Borghesi in attesa di congedo per gestire il locale di famiglia

Quando sono nato la toponomastica delle vie del mio paese, se si esclude la strada più antica⁽¹⁾ e qualche altra strada (dedicata prevalentemente a personaggi risorgimentali), avevano in gran parte  nomi di città o personaggi attinenti alla prima guerra mondiale, la Grande Guerra. Questa pratica, forse, nasceva dal fatto che il paese, oltre ad aver subito un attacco austriaco  nel primo giorno di guerra ⁽²⁾, era una base per sommergibili ed idrovolanti impegnati nel conflitto.

Il Cinema non poteva che chiamarsi: Trieste.

Cinema Trieste, ricostruito dopo la II Guerra Mondiale

Cinema Trieste, ricostruito dopo la II Guerra Mondiale

Ho iniziato presto ad andare al cinema, all’epoca la televisione era  rara nelle case, tanto per dire, le sere in cui in Tv trasmettevano “Lascia o raddoppia” ( fine 1955) al Cinema non proiettavano un film, mettevano un televisore davanti allo schermo e la gente andava a guardare la televisione al cinema.
Una sera a settimana, dopo cena, accompagnato da mio padre andavo al cinema. Mio padre sostava al bar contiguo ed io, senza passare dalla biglietteria, salutavo Achille, maschera tuttofare (morì una notte, investito da un auto, mentre affiggeva le locandine del film in programma il giorno successivo) e salivo in galleria per sedermi al mio posto

Cinema Trieste, la sala vista del palco.

Sulla sinistra, terza fila senza altre poltroncine davanti o dietro. Poi, qualche anno dopo, la domenica avevo anche il permesso di andare da solo agli spettacoli pomeridiani.

I primi film che ricordo di aver visto, dopo la visione della Settimana INCOM,  sono quelli di Tarzan e  per me Tarzan è Johnny Wiessmuller. 

Sigla Settimana Incom

Avevo 6  anni e non ricordo i titoli  ma di uno ricordo le 21 interruzioni consecutive (le contai) dei  titoli di testa, sullo schermo appariva improvvisamente una bianca bolla di calore e, tra le proteste del pubblico, le luci in sala si riaccendevano. Non sapevo che Tarzan fosse un  personaggio ricavato dai romanzi di Edgar Rice Burroughs.

Tarzan con Johnny Wiessmuller

Di quei primi anni da spettatore non ricordo molti titoli e non saprei dire se fossero spettacoli serali o pomeridiani. Ricordo “Sette spose per sette fratelli”, un musical americano che per me rappresentava una novità, abituato com’ero all’urlo di Tarzan rimasi sorpreso al momento della prima canzone, non immaginavo si potesse fare un film, cantato.   Ricordo anche “Kim” con Errol Flynn ma solo perché avevo già letto il libro di Kipling. Il tutto nel mezzo ad una serie “senza titolo” di Jerry Lewis e  Stanlio e Ollio. Mentre il primo cow-boy è stato Alan Ladd, ispiratore delle mie cavalcate in groppa al cavalletto del bucato di mia madre. 

Sette spose per sette fratelli

Ma anche Gary Cooper e John Wayne che all’epoca, riprendendo una vecchia canzone, non era poi tanto americano.  

Non ricordo molti titoli  ma ricordo il divertimento e le mistocchine⁽³⁾, che una vecchietta vendeva davanti all’ingresso. Mangiate prima di entrare. Odio sgranocchiare al cinema, per me assistere ad un film è un rito. Anche se ho, nel corso della mia vita, visto tali e tante boiate che non meritavano la mia dedizione.

Fort Apache

Qui dove vivo ora non c’erano sale cinematografiche sino a due anni addietro quando hanno inaugurato il nuovo supermercato della catena  Big C con annessa Multisala.

Quando mi hanno proposto di andare al cinema ho subito dato un’occhiata ai cartelloni dei film in programma e, scorrendo i titoli, intanto ripescavo la pazienza appresa nell’assistere a tante boiate (pazienza che negli anni avevo potuto abbandonare, visto l’ampliarsi della mia mobilità e quindi della scelta). Inutile dire che qui proiettano solo spettacoli in lingua thai, raramente con sottotitoli in inglese.

Ho  accettato la proposta di andare al cinema.  E così mi sono ritrovato ad assistere al 18° o 19° remake di un film che narra la vicenda di una donna o meglio un fantasma: Mae Nak (แม่ นาก).

Film Mae Nak

La vicenda per molti avvenuta realmente all’epoca di Re Mongkut (Rama IV,  Re del Siam dal 1851 al 1868), racconta di un fantasma thailandese.

Ho accuratamente evitato di affrontare, con i miei convintissimi ospiti, l’argomento fantasma o vicenda reale. D’altra parte i fantasmi da sempre esistono anche in Italia ed io sarò anche molto donchisciottesco ma non al punto da mettermi a combattere contro i fantasmi.

La storia narra di una giovane e bella ragazza, Nak, che viveva a Phra Khanong uno dei tanti canali della Venezia d’oriente: Bangkok, e del suo amore eterno per il marito, Mak.

Dopo qualche preambolo sentimentale tra i due giovani, con sullo sfondo l’ovattata scenografia della giungla e dei canali  di Bangkok, ci ritroviamo con Nak  incinta e Mak  che viene arruolato e mandato alla guerra dove il giovanotto viene gravemente ferito e, nel mentre lui è ricoverato a Bangkok per essere curato, Nak ed il  figlio  muoiono durante un difficile parto. E si potrebbe dire che qui inizia veramente il racconto (ed anche  il film)

Mak, completamente ristabilito ed all’oscuro degli eventi capitati alla consorte ed al figlio,  torna a casa  e  trova l’amata moglie e il figlioletto che lo accolgono. A dire la verità: nessuna sorpresa per alcuno. Come Mak non  è sorpreso di ritrovare i suoi cari a casa, anche noi spettatori non siamo sorpresi che Nak sia un fantasma. L’abbiamo vista morire di parto ma,  nel percorso di avvicinamento in barca di Mak a casa, abbiamo assistito alle morti violente (con dovizia di primi piani sanguinolenti) dei vicini di casa che cercavano di avvertirlo della reale situazione e l’autrice della strage era il fantasma di Mak.

Seguono brevi sequenze di quella che pare una felicità ritrovata da parte di una giovane famiglia, con pochi vicini, ma circondata da un paradiso terrestre. Poi, un giorno, mentre Nak sta preparando del nam phrik ⁽⁵⁾ un lime le cade sul pavimento e, ruzzolando, cade dal portico e finisce nel prato (per chiarezza: la classica casa thai su palafitte). Vuoi che avesse fretta di cucinare, vuoi che fosse distratta, Nak, restando seduta davanti al mortaio,  allunga il braccio, sì, proprio come Tiramolla, per recuperare il frutto.

Tiramolla

Mak, non visto, vede il gesto della moglie e si rende conto che la donna è un fantasma. Il terrore, il sacrosanto terrore dei fantasmi, si impadronisce del ragazzo che, consapevole della pericolosità intrinseca dei fantasmi,  inizia a pensare al modo per fuggire dal fantasma della moglie.
Pensa e ripensa non trova di meglio se non attendere la notte e, con la scusa di andare a fare pipì (per chiarezza: all’epoca i servizi igienici non esistevano neppure in tante case italiane), fugge nella notte. Ma Nak non per nulla è un fantasma,  avverte subito la fuga del consorte e lo insegue nella foresta.
Mak si accorge di essere inseguito e si nasconde dietro una pianta di Naat (หนาด balsamifera blumea – conosciuta come: sambong), è risaputo che i fantasmi hanno paura dell’appiccicoso Naat  (diciamo: un vischio scaccia fantasmi). La mossa disorienta il fantasma e Mak trova il tempo per correre al Wat Mahabut. Un fantasma non può entrare in un tempio, è terra santa (questa extraterritorialità dei luoghi sacri  è comune a tante religioni).
La rabbia di Nak spinge il fantasma a terrorizzare gli abitanti di Phra Khanong, la colpa dell’abbandono del marito viene scaricata sui sopravvissuti alla precedente strage (qualche altro schizzo di sangue cola dallo schermo).
E, finalmente, entra in scena un monaco, un  potente esorcista che cattura il fantasma di Nak e lo infila in un vaso di terracotta. Il monaco rassicura Nak che in una vita futura si riunirà all’amato marito ed al figlio. Sequenza di immagini ovattate e luminose di una famiglia felice che si gode la bellezza del fiume e della giungla, la colonna sonora si abbassa, inquadratura sul  monaco esorcista che sigilla il vaso e lo getta nel canale, riparte la colonna sonora.

Fine

Titoli di coda

Pur non modificando l’assunto di base, ci sono diverse versioni sia della storia sia dell’epoca in cui si sarebbe svolta la vicenda reale.

La protagonista, Mae Nak (แม่ นา ก),  è conosciuta anche con altri nomi: Mae Nak Phra Khanong (แม่ นา ก พระโขนง), o più semplicemente Nang Nak (นาง นา ก). La vicenda è stata riproposta in tanti film, una serie tv ed anche un’opera lirica (autore Somtow Sucharitkul). Per parte mia, pur avendo visto solo questa pellicola, credo di aver assistito ad uno dei peggiori rifacimenti di tutta la lunga serie. Un santuario dedicato a Mae Nak è a Suan Luang (Prakhanong) quartiere della moderna Bangkok. La parola thai แม่ () ha diversi significati ed usi, l’uso prevalente equivale a madre, mamma.

1Via d’alaggio – L’alaggio è il traino di un’imbarcazione dalla terraferma.   Effettuato con robuste funi dette alzaie era  prevalentemente usato per i trasporti fluviali o lungo un canale e veniva effettuato su una strada, che costeggiava i fiumi o i canali, che  consentiva un agevole svolgimento dell’alaggio, sia con traino umano che animale. Le strade di alaggio erano molto comuni in tutta Europa. Nel caso del mio paese natale l’alaggio si effettuava lungo il Canale Corsini che congiunge il porto di Ravenna a Marina di Ravenna (già Porto Corsini). In tutta Italia non credo esista altra via d’alaggio che conservi il nome originario. 
2– Gli archivi storici della Marina confermano che il primo caduto è stato l’operaio militarizzato dell’Arsenale di Venezia, Natale Zen. Morto nel bombardamento di Porto Corsini che iniziò esattamente alle ore 3.30 del 24 maggio 1915.  La questione del primo caduto in assoluto è controversa, di certo si tratta del primo “marinaio”.
3– Mistocchina– Dolce povero. Ricetta e preparazione: 500 gr di farina di castagne impastata con acqua calda qb ed un pizzico di sale, stendere l’impasto con spessore circa 1 cm. Ritagliare dei rombi e cuocere in forno ben caldo. 
4Nam prik (น้ำพริก) – Termine generico per indicare alcuni tipi di salsa più o meno piccante e viscosa, a base di peperoncino. Tipiche della cucina tailandese. Ingredienti comuni sono : peperoncini freschi e/o secchi, aglio, sale o salsa di pesce, succo di lime e spesso un qualche tipo di pesce o pasta di gamberetti o maiale ma anche scarafaggi. La sua preparazione tradizionale prevede che gli ingredienti vengano amalgamati utilizzando il mortaio.

Cinema Albero – Efraim Medina Reyes – Ed. Fusi orari

“I film sono meglio dei preti, degli psichiatri e dell’aspirina. Seduto nell’oscurità viaggi attraverso le immagini e dimentichi il presente. A volte ti annoi e altre ti diverti ma dimentichi sempre il presente. L’unica cosa che mi rompe dei film, belli o brutti che siano, è la parola Fine.” (Cinema Albero – Efraim Medina Reyes -Ed. Fusi Orari)

Fonte immaginiSettimana IncomTarzanSette spose per sette fratelliFort ApacheMae NakTiramollaThe End. Le fotografie del Cinema Teatro Trieste sono pubblicate nel Gruppo FB: La bella Marina. Un particolare ringraziamento per averle pubblicate a Veniero Borghesi, ultimo gestore del Cinema di famiglia.

 

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Asia, Thailandia and tagged , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento