L’isola che non ci sarà

isola che non ci sarà Taro Island

L’isola che non ci sarà: Taro Island, nelle Isole Salomone. Foto Canberra Times

Potrebbe essere l’ambientazione per un film sulla fine del mondo. È l’isola di Taro, a malapena un chilometro di lunghezza e ancor meno di larghezza e quasi mai più di due metri di altitudine. Un pittoresco atollo corallino alla deriva nell’oceano all’estremità nord-occidentale delle Isole Salomone. Una macchia su una mappa.

Eppure questa macchia — con i suoi quasi 600 residenti permanenti, il suo ospedale, le chiese (quattro), la scuola, la stazione di polizia ed il tribunale — è destinata a prendere un posto indesiderato nella storia. Anche se piccola, è la capitale della provincia di Choiseul e presto potrebbe essere il primo capoluogo di provincia al mondo ad essere abbandonato a causa dei cambiamenti climatici che stanno causando l’innalzamento del livello del mare.

Le rilevazioni satellitari indicano che il livello marino, a sud-ovest del Pacifico, è in aumento ad un ritmo sino a cinque volte più veloce rispetto alla media mondiale: 7,7 millimetri l’anno nella capitale delle isole Salomone, Honiara, e fino a 16,8 millimetri all’anno nel mare al nord del paese.

Nell’ambito dei mutamenti climatici e geopolitici che derivano dal riscaldamento del pianeta, Taro è una goccia nel mare. Ma è anche un segnale precoce di quello che ci aspetta. E non è sola.

Nelle isole Carteret in Papua Nuova Guinea, le piccole comunità sul mare hanno ricevuto aiuti pubblici per più di un decennio ed alcune sono state trasferite.

A Kiribati, un gruppo di 33 atolli disseminati in un’area grande quanto l’Australia, la popolazione si sta muovendo verso  l’isola principale, quella di Tarawa, anche perché l’agricoltura è diventata difficile sugli atolli più piccole a causa delle inondazioni saline. Ma secondo la Banca Mondiale, è probabile che entro la metà del secolo la stessa Tarawa sia per un quarto sott’acqua.

Come risponderà il mondo ad un progetto delle dimensioni del trasferimento di Taro sarà un banco di prova.

Articolo originale: The Vanishing Island, Canberra Times

Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui."(Dante Alighieri - Inferno, V).
Per il resto non c'e' molto da dire.
Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)

Latest posts by Tiziano Matteucci (see all)

About Tiziano Matteucci

"Siede la terra dove nata fui / su la marina dove ’l Po discende / per aver pace co’ seguaci sui." (Dante Alighieri - Inferno, V). Per il resto non c'e' molto da dire. Pensionato italiano che ora risiede in una cittadina del nord ovest della Thailandia per un assieme di causalità e convenienze ... c'è solo una cosa certa: "faccio cerchi sull'acqua ... per far divertire i sassi" (Premdas)
This entry was posted in Salute, Ambiente e Ecologia and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

Cosa ne pensi di questo post? Lascia un commento