Thailandia, già finita la favola della consorte reale Sineenat: è stata destituita dal suo ruolo e da ogni onorificenza dello Stato

Sineenat-Wongvajirapakdi

Sineenat Wongvajirapakdi

La motivazione ufficiale: «le sue azioni sono state considerate sleali, ingrate e scortesi nei confronti della gentilezza di Sua Maestà»

(Asiablog.it) — Il re della ThailandiaMaha Vajiralongkorn, ha destituito Sineenat Wongvajirapakdi dal suo ruolo di consorte ufficiale: è una punizione per la sua “slealtà” e “ambizione”, secondo le motivazioni riportate nel comunicato ufficiale. Oltre ai titoli reali, il re le ha tolto anche tutte le decorazioni e i ranghi militari: l’improvvisa caduta in disgrazia della donna è stata annunciata da tutte le televisioni del Regno lunedì 21 ottobre.

La 34enne Sineenat, conosciuta anche con il soprannome Koi, “non ha rispettato le tradizioni reali” e avrebbe cercato di elevare la sua posizione allo stesso livello di quello della regina Suthida, sostiene il comunicato. Le sue azioni sono state ritenute “scortesi nei confronti della gentilezza di Sua Maestà”, si legge nel documento, e “hanno causato divisioni tra i cortigiani e incomprensioni tra il popolo”. Questi comportamenti “equivalgono ad atti di sabotaggio contro il Paese e l’Istituzione [monarchica]”.

La favola di Sineenat

E’ durata solo tre mesi la favola di Sineenat, la donna proveniente da una famiglia borghese che aveva ricevuto il titolo di “Chao Khun Phra“, ovvero di consorte reale, nel giorno del 67° compleanno del re, il 28 luglio scorso. L’ex infermiera, poi pilota, che ha lavorato per diversi anni come guardia del corpo del re, è stata la prima concubina ufficiale di un monarca thailandese dal 1935, anno in cui la poligamia fu messa fuori legge, anche se in alcune aree del Paese questa pratica ha continuato ad essere praticata informalmente.

Pochi giorni dopo la sua nomina, il Palazzo aveva pubblicato una serie di fotografie di Sineenat: una rara finestra nella vita privata dei membri della Casa Reale di Bangkok. La nomina era arrivata a soli due mesi dalla celebrazione del matrimonio tra re Vajiralongkorn e la sua quarta moglie, Suthida Bajrasudhabimalalakshana, l’attuale regina.

Re Vajiralongkorn

“La brusca mossa del re ci dice che desidera essere visto come un monarca molto responsabile che non tollererà possibili divisioni nell’istituzione reale”, ha detto Paul Chambers, analista dell’Università di Naresuan, in Thailandia.

Dalla sua ascensione al trono, nel 2016, Re Vajiralongkorn ha notevolmente rafforzato la sua autorità, portando il patrimonio della Corona sotto il suo diretto controllo e ristrutturando il suo comando sulle unità chiave dell’esercito. Il monarca, il decimo della dinastia Chakri, ha anche reintrodotto il “Ratchasawat“, un codice di condotta per le persone al servizio della Casa Reale utilizzato nella vecchia corte assolutista, e ha punito il personale che lo ha violato.

Vajiralongkorn ha tre ex mogli e sette figli. Si è sposato ufficialmente una prima volta nel 1977 con una cugina di primo grado, Soamsawali Kitiyakara, da cui ha avuto una figlia. Nel 1991 ha divorziato da Soamsawali e nel 1994 si è risposato con l’attrice Yuvadhida Polpraserth, da cui ha avuto cinque figli, di cui solo una riconosciuta ufficialmente. Nel 1996 ha divorziato da Yuvadhida e cinque anni dopo, nel 2001, ha celebrato il suo terzo matrimonio con Srirasmi Suwadee, dalla quale ha avuto un figlio. Srirasmi cadde in disgrazia nel 2014 e alcuni suoi parenti vennero arrestati. L’ultimo matrimonio, come detto, risale a quest’anno, con l’attuale regina Suthida.

Vajiralongkorn è l’unico figlio maschio del semi-divino Re Bhumibol Adulyadej, spentosi il 13 ottobre 2016 dopo sette decenni sul trono. Vajiralongkorn è stato proclamato ufficialmente nuovo monarca il 2 dicembre successivo, per poi essere incoronato due anni e mezzo dopo, in una complessa cerimonia svoltasi tra il 4 e il 6 maggio 2019.

La Monarchia thailandese è nota per essere protetta da una severissima legge sulla lesa maestà. Criticare o mancare di rispetto ai membri della Famiglia Reale, agli oggetti a loro associati (come ad esempio ritratti, immagini, simboli) e ai loro animali domestici è illegale. La legge viene rigorosamente applicata, con pene detentive fino a 15 anni di carcere per ogni singola offesa. Gli stranieri non sono esenti.

Asiablog.it [Sito|Facebook|Twitter|Newsletter]

Licenza Creative CommonsQuest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia.

About Alessio Fratticcioli

Alessio è il fondatore e amministratore di Asiablog.it (anche su Facebook e Twitter). Per saperne di più su questo buffo personaggio, la sua lunga e noiosa biografia si trova qui.
This entry was posted in Asia, Thailandia and tagged , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.